Versus Evil è uno dei publisher più attivi degli ultimi anni impegnato a portare ottimi titoli sui nostri PC

Il venerdì alla Gamescom è l'ultimo giorno di appuntamenti nella business area, ovvero lontani dalla ressa dell'area pubblica. Il venerdì però si arriva decisamente scarichi, visti i primi due giorni (mercoledì e giovedì) passati a fare su e giù per i 24mila metri di suolo della fiera tedesca. Fortunatamente l'ultimo venerdì passato in terra tedesca per me era dedicato a tanti, tantissimi indie game e questo ha significato una sola cosa: divertimento.

Dopo aver speso ore e ore su titoli tripla A, l'appuntamento con Versus Evil ha rappresentato per me una sorta di risveglio spirituale: immediatamente ho ritrovato le forze e vi giuro, è stato probabilmente quello più interessante, almeno da un punto di vista strettamente personale. Non solo perché Versus Evil è uno dei publisher più attivi degli ultimi anni impegnato a portare ottimi titoli sui nostri PC, ma anche perché rappresenta bene o male una delle ultime realtà impegnata a pubblicare qualcosa che valga effettivamente la pena giocare.

Nel booth di Versus Evil mi sono stati presentati sei prodotti: The Banner Saga 2, Skyshine's Bedlam, Guild of Dungeoneering, Armikrog, Like A Boss e Afro Samurai 2: Revenge of Kuma. Titoli attesi da una buona parte della community di videogiocatori (soprattutto PC gamer), ma anche da chi vede in questo settore qualcosa di diverso, qualcosa che valga la pena di essere portato realmente al grande pubblico.

Versus Evil ha lavorato particolarmente bene sui due titoli scritti poco sopra. Nonostante un booth di esigue dimensioni e nessuna possibilità di provare direttamente i titoli, il publisher di Austin (Texas) è riuscito a darci una panoramica chiara di ciò che intendono fare da qui fino al prossimo anno, ovvero produrre e consegnare storie magiche. Se Guild of Dungeoneering è già disponibile su Steam e a breve verrà lanciato un DLC al costo di soli 5 dollari (costo decisamente esiguo se paragonato ad altri contenuti aggiuntivi), il titolo che mi ha colpito di più è stato Armikrog: in arrivo l'otto settembre 2015 per PC, OS X e Linux, l'avventura punta e clicca è stata sviluppata da Mike Dietz ed Ed Schofield.

Armikrog.
Armikrog.

Dopo aver sbancato su Kickstarter, il potenziale di questo nuovo prodotto, animato esclusivamente dalla tecnica stop motion con sculture realizzate a mano, si è guadagno a ragione l'attenzione dei media e delle realtà editoriali più importanti. Una vera e propria punta di diamante della produzione di Versus Evil, che va inoltre a rinforzare anche la libreria Wii U e diciamocelo, questo genere e questo prodotto trova nella console Nintendo il suo habitat naturale.

Lasciamo per un attimo stop motion e poesia per concentrarci su quella che rappresenta la produzione più importante del catalogo di Versus Evil, ovvero Afro Samurai 2: Revenge of Kuma. In molti di voi, come il sottoscritto, ricordano sicuramente il primo capitolo (il debutto avvenne nel lontano 2009 per PS3 e Xbox 360) e c'è sicuramente un po' di attesa riguardo questa seconda incarnazione del franchise. Ebbene, Versus Evil e la software house incaricata dello sviluppo hanno lavorato bene, facendo evolve il titolo: in primis si adegua al mercato e dunque si trasforma in un'avventura a episodi.

In secundis torna a far emozionare i giocatori con una storia del tutto coraggiosa, matura e decisamente appetibile: la vendetta di Afro e Kuma è il filo conduttore degli eventi che ci spingeranno a proseguire nell'avventura. Oltre a ciò, Afro Samurai 2: Revenge of Kuma ha per la prima volta delle animazioni cruente e splatter, con nemici che vengono smembratati davanti ai nostri occhi. Completa il lavoro degli sviluppatori e di Versus Evil una colonna sonora firmata da nomi importanti, capitanata ancora una volta dal rapper RZA, accompagnato da Bobby McCoy e Noah Stein, rispettivamente soprannominati Visualeyes e Nesteez.

Il tour non poteva che concludersi con Like A Boss, titolo sviluppato dai brasilaini di Fire Horse. Cinico, cattivo e pieno di riferimenti a quei nerd noob che affollano il panorama dei vari MMORPG online, questa volta siamo noi a dover impersonare un temibile Boss per riuscire a fare strage di carni deboli e che parlano con linguaggio che non appartengono al loro mondo, come ad esempio AFK.

maxresdefault
SKyshine's Bedlam.

Se sotto il titolo a prima vista c'è tanta, tantissima ironia e quasi qualche presa in giro, su schermo l'idea funziona decentemente e il concept è veramente originale. Purtroppo oltre al trailer non ho potuto vedere nient'altro, ma l'uscita su device mobile (Android, iOS e Windows Phone) oltre che su PC rende questo titolo uno dei più interessanti per gli amanti della partita e via.

Con una line-up per tutti i gusti e tante novità in arrivo nei prossimi mesi, Versus Evil si conferma uno dei publisher più attivi sul mercato e con l'intento, neanche troppo velato, di offrire ai giocatori più che un'alternativa una visione mutata, diversa e più intelligente dei videogiochi indie.

[header_banner]