Heart of Thorns presenterà delle novità corpose e molto importanti, che rivoluzioneranno il gameplay ed introdurranno diversi elementi

Alla Gamescom di quest'anno non è potuta mancare ArenaNet per presentare nei dettagli quella che sarà la prima espansione del suo campione MMORPG, ovvero il tanto discusso Guild Wars 2. Si chiamerà Heart of Thorns e presenterà delle novità corpose e molto importanti, che rivoluzioneranno il gameplay ed introdurranno diversi elementi assolutamente non da sottovalutare.

Ricordiamo che Guild Wars 2 è un buy-to-play, e cioè una volta acquistato il gioco non dovrete versare canoni mensili di abbonamento. Ma andiamo con ordine e vediamo quali sono i contenuti che vedremo presto sui nostri monitor.

Una nuova ed ampia regione esplorabile, intanto, per gli amanti delle folta vegetazione e della giungla, chiamata Maguuma, dove potremo sbizzarrirci nel completare missioni principali della storyline così come molte secondarie, oltre che i soliti eventi dinamici che hanno fatto la fortuna del gioco. Pare che alcune trame rimaste in sospeso fin dal primo Guild Wars saranno riprese all'interno di Maguuma. Studiata apposta per "amalgamarsi in questa nuova zona" troviamo anche la nuova professione giocabile, ovvero il duro e pesantemente armato Revenant, con tante abilità adatte al close range proprio della giungla.

La sua capacità è legata all'uso di una sola arma, a differenza delle altre classi, ma questo è ampiamente compensato dal fatto che potrà assumere diverse stance, con conseguenze molto più impattanti del warrior.

Inoltre si potrà specializzare ulteriormente la professione già giocata, ottenendo la possibilità di nuovi equipaggiamenti ed ovviamente abilità, che faranno evolvere in nuove classi avanzate quella base che avete giocato in Guild Wars 2. Quello che si è visto fino ad ora pare molto interessante e soprattutto non banale, come invece accade spesso per contenuti di questo tipo.

Altra novità fondamentale ed attesissima fin dall'uscita del gioco base riguarda invece il PvP. Ricordiamo come gli scontri Gilda contro Gilda abbiano fatto la fortuna del primo capitolo del MMORPG distribuito da NCSOFT. Ora finalmente arrivano gli Stronghold, ovvero combattimenti a squadre che offriranno anche l'occasione di rispolverare il vecchio concetto di ranking che aveva fatto del GvG precedente un vero e proprio e-sport.

Devo dire che l'introduzione di questa nuova modalità mi è parsa un pochino "furba", richiamando di fatto alcune meccaniche care ad un genere, quello dei MOBA, che ora va per la maggiore.

Le "linee" da seguire all'interno delle mappe di gioco e gli obiettivi da raggiungere sembrano tratti di peso da un SMITE o da un Heroes of the Storm, pur rimanendo assolutamente godibili. Pure le Guild Hall (sempre all'interno di Maguuma), aree reclamabili da un gruppo di giocatori, vanno in tal senso e da questo si capisce come gli sviluppatori abbiano fatto un passo indietro ammettendo che l'opzione non presente fin dall'inizio era uno degli aspetti più carenti dell'intero prodotto.

Inoltre una nuova mappa per il WvW vi attenderà per rimpinguare il preparto del classico PvP già presente. Dragonhunter, Necromancer e Chronomancer, sono i nomi di alcune di queste "evoluzioni".

GW2-HeartOfThorns-screenshot-9.2ef16d8b

La principale feature che Heart of Thorns introdurrà sarà comunque legata al Mastery System, sistema che permetterà al giocatore l'evoluzione del suo personaggio oltre il cap del livello 80. In cosa consiste questo contenuto? Semplice. Se da una parte in altri giochi l'end-game era a base di grinding selvaggio e quindi padrone totale della noia, da queste parti si è optato per delle sfide nella giungla, che, se superate, consentiranno di sbloccare nuove abilità per il personaggio.

Detta così pare una cosa banale, ma in realtà le 39 mastery presenti sono missioni lunghe ed articolate che vi impegneranno duramente, e dove dovrete dimostrare che il livello 80 raggiunto non è stato ottenuto solo per caso o per fortuna.

Molte le opzioni disponibili, che renderanno le varie sfide molto varie, e molti gli skill tree percorribili, da quelli più semplici fino a quelli decisamente complessi. Dall'esplorazione, allo spionaggio, passando per il combattimento puro fino alla maestria nel dominare un elemento naturale.

Gliding ad esempio è un percorso di crescita legato alla vostra padronanza in volo, ed una volta ottenuto il mastery quando cadrete da vette elevate avrete acquisito la capacità di non morire). Se sarete tanto bravi da completare tutte le sfide dovreste avere i portoni della gloria spalancati su ricompense mitiche...

GW2-HeartOfThorns-screenshot-11.38c1ba80

Anche il crafting è stato in parte rivisto proprio grazie ai mastery point ottenibili e dunque pure gli amanti del "fai da te" sono stati accontentati, visto che potranno ora puntare per creazioni sempre più efficienti.

Insomma, tanta carne al fuoco per questo Heart of Thorns, già pre-ordinabile ma che ancora non ha una data certa di pubblicazione, che pare andare a colmare proprio le lacune merse durante questi anni passati a migliorare Guild Wars 2. Un grande lavoro da parte del team di ArenaNet, che non mancheremo di recensirvi appena lo avremo fra le mani.

[header_banner]