I ragazzi di Hello Games hanno parlato nel dettaglio delle sensazioni alle battute finali dello sviluppo del gioco, ormai atteso per una pubblicazione non identificata entro fine anno.

"Ci siamo sempre assicurati che tutto ciò che distribuiamo sia puro gameplay: ogni volta che vedete No Man's Sky sono io, letteralmente, che gioco", ha detto Sean Murray, spiegando di voler evitare a tutti i costi di fare promesse più grandi di quanto il gioco intenda essere.

"[i giocatori] proiettano la loro idea del gioco sopra a ciò che stiamo facendo. Forse questa è la natura dell'hype: un'eccitazione sovradimensionata alla quale non si può andare del tutto incontro?".

Murray ha anche discusso il motivo per cui Hello Games ha declinato ogni proposta di aumento del budget del gioco, compresa quella del partner Sony.

"Ne abbiamo parlato, certo, ma abbiamo concluso che non avrebbe funzionato. Abbiamo avuto un'idea per un gioco e potremmo non arrivare mai alle aspettative dell'hype, ma possiamo realizzare il gioco che abbiamo immaginato di creare. Dev'essere abbastanza".

[header_banner]