Il narrative director Christofer Emgård si è prestato ad una lunga Q&A su Twitter, ovviamente incentrata su Mirror's Edge: Catalyst di DICE.

Tanti i particolari di cui si è discusso, tra cui storia, narrazione e gameplay, per il titolo che com'è noto sarà per la prima volta open world.

"Ci sono collezionabili e side quest che raccontano storie non necessariamente connesse alla narrazione principale", è questo uno dei tweet più interessanti che rivela la natura quasi da gioco di ruolo del nuovo Mirror's Edge.

"Ci saranno cose da fare anche dopo la fine della storia principale".

Venendo alla storia, è confermato che vecchie conoscenze torneranno in nuove forme e il passato di Faith sarà approfondito in maniera maggiore rispetto a quanto fatto nel primo capitolo.

L'ambientazione sarà sempre quella del "futuro prossimo", in termini di avanzamenti tecnologici.

Sembra che Mirror's Edge: Catalyst stia venendo su piuttosto bene, allora. A voi che ne pare?

[header_banner]