Famoso per tanti è quel 'Fulmine di Pegasus', ma De Palma negli ultimi anni è diventato particolarmente attivo anche nel medium videoludico

In un afoso pomeriggio torinese abbiamo contattato Ivo De Palma, doppiatore che grazie alla sua voce ha fatto appassionare milioni ai tantissimi personaggi a cui ha prestato la voce. Famoso per tanti è quel "Fulmine di Pegasus", ma De Palma negli ultimi anni è diventato particolarmente attivo anche nel medium videoludico, prestando la voce a personaggi presenti in Uncharted, Gears of War, The Elder Scrolls V: Skyrim, Killzone, Assassin's Creed, Dishonored e molti altri.

In occasione dell'uscita di Batman: Arkham Knight abbiamo intervistato De Palma, che nel capitolo conclusivo della trilogia ideata da Rocksteady Studios ha doppiato Azrael. Una veloce ma utile chiacchierata sul suo lavoro e su cosa significa doppiare i personaggi dei "giochini".

TMAG.it - Ciao Ivo. Prima di tutto, grazie per aver accettato questa intervista. Siamo sicuri che i nostri lettori abbiano già avuto modo di conoscere la tua voce in tanti videogiochi, come ad esempio la serie di Uncharted o di Gears of War. La prima domanda che vogliamo farti riguarda la tua idea verso i videogiochi: cosa ne pensi di questo medium?

Ivo De Palma - Non sono un videogiocatore, quindi da fruitore non saprei come rispondere. Però, dal punto di vista strettamente artistico, sono il medium che più si avvicina a quello cinematografico, quindi il fatto che la mia voce faccia spesso capolino sicuramente mi fa piacere.

TMAG.it - Hai doppiato il Azrael in Batman: Arkham Knight, capitolo conclusivo della trilogia ideata da Rocksteady Studios sfruttando la licenza della DC Comics. Hai ricevuto complimenti per il tuo lavoro in questo terzo atto?

Ivo De Palma - In genere, tutte le mie apparizioni, anche su ruoli meno impegnativi e importanti, sono salutate con soddisfazione dal pubblico che mi segue da molto tempo, e questa recente esperienza non fa eccezione.

Ivo De Palma.

TMAG.it - Se puoi risponderci, quali sono le differenze tra il doppiaggio di un videogioco e quello di un film, di una puntata di una serie tv/anime?

Ivo De Palma - La differenza più rilevante, che riguarda la quasi totalità delle produzioni, è la mancata possibilità, nel caso dei videogiochi, di avere il video delle varie scene. Viene a mancare pertanto il riferimento più importante per un doppiatore, cioè il contesto in cui inserire la propria voce e la mimica facciale del personaggio per meglio aderire alla psicologia delle battute. Ciò che vediamo è semplicemente la forma d’onda della battuta originale. Ovviamente la ascoltiamo, cercando poi di infondere la stessa temperatura espressiva in italiano.

TMAG.it - Hai mai giocato uno dei videogiochi in cui hai rivestito il ruolo di doppiatore per un personaggio?

Ivo De Palma - Come ho già detto, no. È capitato che in un video disponibile su YouTube io abbia giocato insieme al collega Maurizio Merluzzo a un videogioco dei Cavalieri dello Zodiaco, mentre rispondevo alle sue domande su vari argomenti professionali.

TMAG.it - Nei videogiochi che hai doppiato, la tua voce ha sempre ricoperto un ruolo molto importante. Sei consapevole che proprio il tuo lavoro può aver fatto innamorare i giocatori di un personaggio oppure averlo reso ancora più celebre? Cosa ne pensi?

De Palma ha prestato la sua voce a Garron Paduk in Gears of War: Judgment...

Ivo De Palma - Beh, è normale che accada, così come per anni è stato per gli altri personaggi cui ho prestato la voce, quindi sì, ne sono consapevole, anche se talvolta l’intensità di questo affetto mi stupisce ancora.

TMAG.it - Hai mai avuto modo di rivedere filmati di gioco oppure interi spezzoni di gameplay dove i personaggi che hai doppiato sono presenti? Se ti è mai capitato, avresti voluto correggere qualcosa?

Ivo De Palma - Come detto, non mi è mai capitato e forse è meglio così, perché la mia indole perfezionista mi avrebbe indotto a criticare me stesso oltre il dovuto.

TMAG.it - Vogliamo salutarti chiedendoti se tra colleghi capita mai di giocare a qualche videogioco che avete doppiato e se vi scambiate qualche opinione in merito alla trama, ai personaggi doppiati e al lavoro svolto.

Ivo De Palma - Mai capitato, se non quella volta con Maurizio, come ho già detto. E lì il collega è stato magnanimo, consentendomi di vincere qualche incontro per suo volontario suicidio virtuale!

... ma anche a il villain Navarro di Uncharted.

TMAG.it - Grazie ancora, Ivo, per la disponibilità: siamo sicuri che i lettori di Tell Me About Games apprezzeranno moltissimo le tue parole.

Ivo De Palma - Mi rendo conto che non sono le parole di una persona altrettanto competente, ma in fondo l’importante, per chi fruisce del mio lavoro sui videogiochi, è che io fornisca comunque un’interpretazione all’altezza, e questa, ancora dopo oltre 30 anni di carriera, è la mia massima cura su ogni personaggio.

[header_banner]