Il target di queste Steam Machine è tutto da creare, ed è qui che arriva il primo ed unico grande intoppo per Valve

Qualche giorno fa Valve ha rivelato la data di uscita dei primi modelli di Steam Machine, che insieme a Steam Controller, Steam Link e SteamVR allargheranno a dismisura la già attuale imponente offerta della piattaforma di Gabe Newell, a partire dal mese di ottobre.

Oggi voglio parlarvi della possibile innovazione che, soprattutto le Steam Machine (e periferiche a corredo elencate in precedenza), porteranno sul mercato. Analizziamo sin da subito il prezzo di listino, non di certo tra i più bassi, anzi. La sfida con PlayStation 4 e Xbox One viene inesorabilmente persa sotto questo aspetto.

Le console casalinghe per eccellenza sono ormai acquistabili a prezzi che variano dai 300 ai 400 euro, con street-price più vicino alla prima cifra. Mentre per le Steam Machine si parte dai 449 dollari fino ai 749. Insomma, costi più vicini che mai ad un PC da gioco che alle console di Sony e Microsoft.

Ed è proprio questo il punto: le Steam Machine sono PC. Puntano ad avere sì, le stesse comodità e peculiarità delle classiche macchine da gioco cosiddette da salotto, ma in realtà, per quanto concerne potenza di calcolo e possibilità di upgrade dei componenti, non hanno proprio nulla a che vedere con le casalinghe.

Sono un pacchetto che racchiude in sé le potenzialità dei PC di fascia medio/alta utilizzabile in comodità sul divano di casa, ideato per compiere solo ed esclusivamente il ruolo di macchina da gioco.

Steam Controller.

C'è da ammettere però che il target di queste Steam Machine è tutto da creare, ed è qui che arriva il primo ed unico grande intoppo per Valve: mi spiego. Un giocatore su console non comprerebbe mai una Steam Machine, sia per il prezzo elevato, sia perché in linea di massima non se ne intende di componenti hardware.

Il classico giocatore a cui basta l'uscita annuale di FIFA, il nuovo GTA e apprezza in linea di massima le esclusive della console di cui è in possesso. Non ha ne tempo ne voglia di mettersi ad analizzare quale versione sia la migliore, tanto la PS4 costa meno.

Al contrario, un giocatore su PC, che di componenti se ne intende ed utilizza già Steam sulla sua postazione da gaming, preferirà spendere qualcosa di più equipaggiando un computer con gli stessi componenti, o migliorando quelli che ha già.

Piuttosto, ciò che mi ha convinto a pieno è stato sia lo Steam Controller che lo Steam Link (entrambi a 55 euro cadauno), periferiche a corredo delle Machine ma che sarà possibile sfruttare anche senza essere in possesso di queste ultime. Il primo è un controller molto simile per ergonomia a quelli di Microsoft, che racchiude in se la tecnologia touchpad del Dual Shock di Sony. Molto molto figo.

Steam Link.

Il secondo non è nient'altro che un ricevitore da utilizzare sulla TV tramite cavo HD, che streammerà le sessioni da PC ad appunto un televisore posizionato in un altra stanza tramite Wi-Fi o cavo. Il tutto mantenendosi a 60fps e ovviamente Full HD, soppiantando così la necessità di possedere una Steam Machine se già in possesso di un buon PC da gioco.

Per concludere: Steam Machine non è meglio di PlayStation ed Xbox. Almeno, non per ora. E non dal punto di vista delle potenzialità. Su più fronti Valve potrebbe rimanere indietro, uno su tutti il prezzo, ma non solo.

Le campagne di marketing, soprattutto di Sony, hanno ormai monopolizzato l'attenzione dei giocatori, ed attualmente competere con i nipponici è impresa ardua. Certo, le carte in regola per diventare un'alternativa più che valida in futuro ci sono tutte, ma per ora non mi sento di dire che ci sia la concreta possibilità di vedere Valve come reale competitor al mercato delle console casalinghe, ne tantomeno dei PC da gioco.

E voi? Cosa ne pensate? Siete fiduciosi nei confronti delle Steam Machine o la vedete come una scommessa persa in partenza?

[header_banner]