Un ex dipendente di Undead Labs aveva riempito i fondali di State of Decay di peni, inserendone "una quantità ridicola" nelle texture del gioco che sarebbe poi arrivato su Xbox 360.

"Alcuni dei nostri contractor avevano lavorato a una quantità ridicola di genitali nello sfondo", ha spiegato al PAX East 2015 il senior designer Geoffrey Card.

Lo studio ha poi scoperto il trucchetto utilizzato dal manipolo di contractor, fortunatamente prima che il titolo arrivasse su Xbox 360 ma soltanto dopo che costoro avevano già lasciato l'azienda.

Microsoft ha colto l'occasione per specificare che "Undead Labs non sta più lavorando con il contractor in questione, e questo materiale non sarà presente in State of Decay: Year One Survival Edition".

[header_banner]