Sembra he la crisi stia colpendo anche il settore della ricerca, al punto da costringere uno scienziato del New England ad utilizzare 200 PlayStation 3 per eseguire dei complessi calcoli utili allo studio dei buchi neri.

Gaurav Khanna è il nome dello scienziato che, intervistato dal New York Times ha accennato all'eccessivo costo delle attrezzature per lo studio ed il calcolo matematico:

"La scienza è diventata costosa. Semplicemente non circolano molti soldi neanche nei settori universitari o federali. I supercomputer permettono agli scienziati di eseguire calcoli impensabili con i computer normali. Assemblare un supercomputer richiede un ingente quantità di processori e strutture di rete. Il settore dei videogiochi è cresciuto molto nell'ultimo periodo, per questo ho potuto comprare 100 PlayStation 3 nel mio BestBuy di fiducia ed avere un hardware performante ad un modico prezzo".

Il dottor Khanna ha messo in rete circa 200 PlayStation 3 utilizzando la feature, adesso eliminata, che permetteva di installare distro di Linux. Nel corso dell'intervista Khanna ha fato sapere inoltre che adesso è più conveniente utilizzare le moderne GPU per questo tipo di calcoli, tanto che il prossimo "supercomputer" che assemblerà sarà basato sul calcolo GPGPU.