Sulla rete, si sa, esiste ogni genere di perversione: c'è chi si fa le fotine nudo (ogni riferimento a cose e persone è puramente casuale), chi fotografa qualsiasi cosa mangia, chi fa i video del proprio cane mentre gioca, e chi uccide tutti e lo riprende pure. Virtualmente parlando, s'intende.

La storia di Many A True Nerd inizia il 19 gennaio del 2014, data in cui decide di iniziare un nuovo interessante playthrough a Fallout 3.

Voi direte: "Ok, e cosa c'è di tanto interessante? Su Youtube ne trovo a centinaia di migliaia." La risposta è altrettanto semplice, poichè questa nuova run ha un solo ed unico obiettivo, ovvero l'eliminazione di qualsiasi forma di PNG dalla faccia della terra virtuale di Fallout.

bang

Il baldo giovane ha così spiegato tramite mail alla redazione di Kotaku il suo folle gesto:

"È stato un modo per rinfrescare una serie che ho adorato, Fallout 3 e New Vegas sono giochi bellissimi, ed ho voluto ricreare le stesse sensazioni di quando giocai per la prima volta, così ho deciso di ricominciare il gioco e di impormi determinate regole, che hanno modificato completamente l'approccio al gioco.

In Fallout 3 ci sono un sacco di cose da fare, ma il gioco ti guida costantemente dalla parte del buono, il mio obiettivo era vedere fino a che punto la trama poteva discostarsi da quello che gli sviluppatori avevano in mente, uccidendo tutte le persone che volevano essere amiche. In un mondo pieno di bug come Fallout, è stato interessante vedere cosa sarebbe potuto succedere; la cosa più bella è stata quando ho scoperto che, per qualche motivo, il robot gigante Liberty Prime era stato legato ad un altro personaggio della trama di nome Vargas, e siccome lo avevo già ucciso, Prime nella missione finale si era rifiutato di muoversi.

Questo avvenimento, se si cerca nell'enciclopedia di Fallout (Fallout Wiki) viene riportato come bug, e la soluzione è ricorrere alla console di comando tramite PC, ma l'ho aggirato uccidendo tutti i membri della fazione del robot fino a quando non è tornato da me ed ho potuto così proseguire nella missione.

Quindi quello che era stato etichettato come bug, si è rivelata una missione, ed è questo quello che cercavo quando ho deciso di fare questo nuovo playthrough: cercare nuovi stimoli".

Sono queste le persone che rendono bello il mondo dei videogiochi. Persone che amano quello che fanno e non demordono in nessuna occasione, neanche quando un bug gli taglia la strada. Probabilmente, nessuno se ne è reso realmente conto, questa run sul gioco Bethesda ha sfogato le perversioni di quello che poteva rivelarsi uno dei peggiori serial killer della storia: se siamo ancora vivi, lo dobbiamo agli sviluppatori di Fallout.

Se siete curiosi di vedere quello che è accaduto durante la sua scampagnata per le desolate lande del gioco, qui in calce potrete vedere uno dei suoi malatissim playthrough, mentre a questo indirizzo è presente la serie completa.

[youtube]http://youtu.be/NgnQI9pWvw4[/youtube]