Prima dell'avvento di tutte le compagnie di videogiochi che conosciamo oggi, c'era Atari, che potremmo definire come la progenitrice dei giochi moderni.

Fondata nel 1972 da Nolan Bushnell , la compagnia produttrice di alcuni dei capolavori più famosi di sempre, come non ricordare PONG, ebbe una fase di forte ascesa nel settore videoludico, che in quegli anni era agli albori, fino al 1976 anno in cui Warner Bros. acquistò la compagnia.

Secondo Bushnell questo evento ha modificato il corso della storia per Atari che, seppur esistendo ancora oggi, si trova frammentata e non più forte come quarant'anni fa:

"Atari era una azienda straordinaria che, nel giro di due anni dall'acquisizione venne distrutta".

Queste le parole di Bushnell, nella quali si percepisce il rammarico di chi, dopo aver creato un'azienda forte e competitiva l'ha vista morire sotto i suoi occhi.

Bisogna però dire che il destino di Atari segnò la fine del dominio americano in ambito videoludico, fino all'avvento di Microsoft e della Xbox.

Attualmente la compagnia è ancora presente sul mercato, e sta lavorando al nuovo capitolo di Roller Coaster Tycoon ed al reboot di Alone in the Dark.

[youtube]http://youtu.be/SHsYjWm8XSI[/youtube]