[mks_dropcap size="90" bg_color="#ffffff" txt_color="#e64946"]C[/mks_dropcap]olonia - Il rinvio di Evolve ha lasciato con l'amaro in bocca diverse migliaia di giocatori in attesa della next big thing del gaming multiplayer. Sviluppato da Turtle Rock Studios, la software house responsabile di Left 4 Dead, Evolve ha raccolto consensi da qualsiasi fronte a ogni evento in cui è stato presente e l'appuntamento con la Gamescom, la prima vera occasione per mettere le mani sul gioco per una grossa fetta del pubblico consumer, non poteva certo mancare all'appello.

Nelle scorse ore sono riuscito anche io a mettere le mani sulla recente demo dello sparatutto cooperativo/competitivo grazie a una sessione sufficientemente lunga nello stand 2K dell'area business della Gamescom. Le ultime aggiunte - una terza squadra composta da altre varianti delle quattro classi e un terzo mostro - ancora latitano, ma la build della fiera tedesca ci ha permesso di testare ampiamente tutte le caratteristiche alla base del titolo americano.

Per chi non lo sapesse, Evolve è un FPS online 4 contro 1 ambientato sul pianeta Shear, dove un team di quattro hunter affronta un mostro controllato da un utente solitario. Giocare invece nei panni di quest'ultimo equivale a sfruttare le sue selvagge abilità per uccidere gli umani controllati dai quattro avversari.

evolve-jan-first-look-screenshot-10

Una formula inedita che mette in evidenza una concezione di sparatutto online completamente differente dai canoni standardizzati degli altri fps in prima persona: la nuova creatura di Turtle Rock Studios eredita molto dalle precedenti esperienze della compagnia, soprattutto per quanto riguarda l'approccio fortemente collaborativo che bisogna, per forza di cose, tenere in considerazione. L'esito di una partita a Evolve potrebbe benissimo dipendere dalla spropositata bravura di un singolo elemento della squadra, ma le probabilità che questo accada di continuo sono talmente poche da non poter essere prese neanche in considerazione nella valutazione della bontà del titolo.

La peculiarità di Evolve risiede nella varietà alla base del gameplay di ogni singola classe o tipologia di mostro. Nel caso degli hunter, ogni partecipante alla partita deve obbligatoriamente contribuire in modo omogeneo all'azione di gioco, perché in caso contrario si andrà incontro a una sconfitta certa. Un medico che non fa il suo dovere (esattamente come mi è capitato nella mia primissima partita) sarà una palla al piede che porterà presto alla disfatta.

Nei panni degli umani l'azione coordinata sarà quindi necessaria per portare avanti i vostri successi. Non a caso all'entrata della prova a porte chiuse gli sviluppatori ci hanno invitato a sederci con degli amici per comunicare meglio durante i match. Più ragionata e solitaria sarà invece una partita nei panni di un mostro, costretto a rifugiarsi e a limitare i danni nelle situazioni più ostiche e ad attaccare di sorpresa per colpire i punti deboli o sprovveduti del team avversario.

Evolve-pax-east-2

Il tutto è bilanciato dannatamente bene già così, dopo una prova con dei colleghi sconosciuti e (chi più, chi meno) alle prime armi con Evolve. Considerando poi che per via della sua natura fortemente competitiva si andrà a creare una community affiatata e capace, attualmente non riesco ad avere alcuna riserva in merito alla nuova fatica di Turtle Rock.

Se per caso siete curiosi di capire le potenzialità tecniche di questo sparatutto, beh, posso dirvi che dal vivo tutto è esattamente come sembra: Evolve è un prodotto tecnicamente eccellente sia su Xbox One che su PC, con le dovute e ovvie differenze in termini di pulizia e definizione generale.

Non nutrivo chissà quali dubbi prima di entrare in quella stanza, ma ora finalmente mi sento di poter confermare l'eccitazione generale che ha accompagnato le reazioni della stampa e dei giocatori in giro per il mondo. Con l'open beta in arrivo a gennaio e il rinvio dell'uscita completa al mese di febbraio sarà sicuramente molto difficile trattenere l'entusiasmo durante i prossimi mesi. Datemene ancora, vi prego!