I giovanissimi Sledgehammer Games, al lavoro da ormai tre anni sull'ormai prossimo Call of Duty: Advanced Warfare, credono che l'introduzione dell'esoscheletro visto all'E3 2014 sia un cambiamento rivoluzionario che impatterà in modo incisivo il multiplayer del gioco.

Ai microfoni di OXM il co-fondatore di Sledgehammer, Michael Condrey, ha così dichiarato: "Abbiamo introdotto nuove armi pesanti, verticalizzazione del gameplay tramite il salto potenziato - potete solo immaginare come quest'ultimo rivoluzionerà l'esperienza multiplayer di Call of Duty - e ancora, invisibilità, super forza ed altri potenziamenti dell'esoscheletro come l'exo-boost e l'exo-slide."

"Abbiamo aggiunto una fantastica combo con l'introduzione del super salto e del letale pugno a terra conseguente. Crediamo che sia un grandissimo cambiamento nel classico stile di combattimento adottato dai giocatori." Condrey prosegue poi dichiarando come queste nuove meccaniche si adatteranno al rodatissimo multiplayer di Call of Duty, dicendo: "Il fucile a pompa è un'arma a corto raggio. Un fucile con queste caratteristiche è abbastanza inutile contro un giocatore che può balzare via rapidamente dalla minaccia, giusto? In questo modo nascono nuove e interessantissime sfide e opportunità."

In conclusione, anche quest'anno il buon vecchio sparatutto di Activision cerca in tutti i modi di riproporsi in una veste nuova (ne siamo sicuri?), tagliando alcuni ponti con il passato. Non so voi, ma da ex competitive player di Call of Duty credo che tutte queste introduzioni possano snaturare il core-gameplay del gioco rendendolo più accessibile ai neofiti e meno skill-based rispetto ai precedenti.

Aspettando le prime impressioni provenienti dallo showfloor della Gamescom di Colonia - una demo multiplayer sarà infatti giocabile - non ci resta altro che toccarci nel modo più scaramantico possibile gli zebedei, in attesa della release ufficiale il 4 Novembre 2014.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=kkDv4kus6eo[/youtube]