[mks_dropcap size="90" bg_color="#ffffff" txt_color="#e64946"]S[/mks_dropcap]ettimana difficile e lunga per Crytek con le notizie sulla banca rotta, poi smentite dalla società stessa, che rischia di correre l’importante software house. Purtroppo l’azienda capitanata da Cevat Yerli non naviga nell’oro e la situazione è difficile. Non critica, ma difficile.

Oltre 100 dipendenti hanno lasciato la società alla ricerca di una nuova occupazione e per quelli rimasti, lo stipendio è in netto ritardo, con mensilità ancora da saldare.

Per questo motivo Ryse 2 è al momento bloccato, in attesa di nuove risorse e una ristrutturazione interna di Crytek. Tranquilli però, il gioco si farà e Microsoft sta già pensando a come muoversi. Due sono le soluzioni possibili, al vaglio a Redmond: acquisizione di Crytek con tutti gli asset o finanziamento massiccio per realizzare Ryse 2, un leak che vi portammo diverso tempo fa. Il gioco doveva essere presentato, infatti, all’E3 2014, ma i primi di marzo i lavori sul gioco sono stati bloccati, anche se non vi era stata data ancora conferma.

Ryse-Son-of-Rome-3

Ma i fan del gioco possono dormire sonni tranquilli poiché nei prossimi giorni ci sarà la soluzione definitiva. Vediamo le percentuali di attendibilità:

Acquisizione Crytek per conto di Microsoft: 35%

Finanziamento per portare avanti i lavori di Ryse 2: 95%

Recentemente, come ben saprete, Microsoft ha partecipato all’evento ISCA 2014, con alcuni ingegneri di Microsoft e AMD che hanno fatto un po’ il punto sulla situazione di Xbox One. Si è parlato dell’architettura della console, delle implementazioni future di alcune “chiavi tecnologiche” che saranno adottate anche in altri ambiti e non solo. Poco è trapelato in merito ma ci ritorneremo su in uno dei prossimi Inside Xbox One. Intanto una cosa è stata confermata: l’NDA tra le parti è ancora vigente. Perché? Perché l’hardware di Xbox One è complesso e nasconde anni di ricerche di Microsoft lab.

Solo da poco tempo i dev stanno capendo come utilizzare l’hardware di Xbox One e i risultati si stanno vedendo. In attesa di vedere le DirectX 12 all’opera che sbloccheranno diverse risorse ancora dormienti (dual lane della GPU, tiled resource, multithreading della CPU).

isca-2014png

Vi ricordate del tweet di Phil Spencer che diceva che le DX12 non avrebbero portato a sostanziali cambiamenti? Vero, peccato si riferisse per lo sviluppo dei giochi perché, chi ci sta lavorando, conosce già le peculiarità delle nuove API in arrivo anche su Xbox One:

"Phil Spencer, nel suo tweet faceva riferimento ai tempi di sviluppo e su come si svilupperanno i giochi, e in questo caso non ci sarà nessun cambiamento rispetto a oggi".

"Le DirectX 12 rappresentano un netto passo in avanti e, sebbene lievemente inferiori a Mantle, rappresenteranno un notevole salto in avanti anche per Xbox One, con un netto incremento grafico".

E si parla di un raddoppio delle prestazioni, ribadito nuovamente da Brad Wardell di Stardock.

directx12-xbox-one

In definitiva, le DX12 rappresenteranno un cambio radicale per Xbox One? La risposta è sì: 95%

Ultimamente si sta parlando molto della ESRAM di Xbox One, vista in precedenza come il tallone d’Achille della console (secondo dev anonimi) e, grazie anche ai nuovi SDK; come l’arma in più di One. Noi ve lo dicemmo tanti mesi fa, realizzando degli Inside sul funzionamento della ESRAM. Ora stanno arrivando anche le conferme da parte di software house più o meno famose, che vedono alla ESRAM come invece un ottimo componente della console.

Prima di esprimere il suo massimo potenziale bisognerà attendere, per l’ennesima volta, le DX12.

Intanto possiamo formulare la domanda: la ESRAM è un problema? Assolutamente No, e noi non avevamo dubbi a riguardo: 95%

Vi ricordate sempre del nostro leak di Forza Horizon 2 che sarebbe stato un open world a 1080p e 60fps? Sbagliammo sul frame rate? Inizialmente si, ma sembra che i ragazzi di Playground, come ci confidarono tempo fa, riusciranno a portare il gioco a 60fps, anche se non sarà facile, ma la speranza c’è.

Al che: Forza Horizon 2 anche a 60fps? Molto probabile: 65%

Ora un tuffo nel passato con Halo 2: Anniversary, altro nostro piacevole leak centrato in pieno. Starete leggendo sui soliti siti che il gioco difficilmente arriverà a 1080p nativi. Che problemi ci sono? Non hardware ma di codice, perché il nuovo engine 3D utilizzato per questo remake implementa al tempo stesso anche quello vecchio e nel gioco potremo decidere in ogni istante se passare dalla grafica potenziata e quella originale. Due engine in uno che lavorano in parallelo e questo dovrebbe testimoniare la potenza di Xbox One piuttosto che farlo passare per un hardware poco performante.

Da quanto ne sappiamo 343 Industries sta cercando di limare il tutto per garantire i 1080p nel single player, anche passando da un motore all’altro: 95%

Ma un attimo, un nuovo engine che emula anche quello originale per Xbox? Cosa significa? Noi la buttiamo là, ma non fateci troppo affidamento: retrocompatibilità con Xbox 360. Microsoft non lo ha nascosto, all’inizio diceva che era una cosa impossibile ma alla GDC 2014 aveva lasciato intendere che gli ingegneri erano al lavoro per cercare di portare la retrocompatibilità verso la vecchia console. Il tutto sarebbe “emulato” dal nuovo hardware.

Certo che se confermata come cosa… : 55%

Bene, giornata povera di leak, ma dipende da come si voglia intenderli. La scorsa settimana vi abbiamo chiesto se volevate farci domande, in quella che sarà una tappa fissa di Rumor Control. Voi ci chiedete e X-Rays risponde.

Prima domanda: differenza tra i vari team e quelli che possiede Microsoft.

Risposta: i first party sono quelli più vicini ai produttori, con Microsoft che può contare su 343 Industries, Remedy, Lionhead Studios, Black Tusk, Leap Experience Pioneers, Platform Next Games, Team Dakota, Good Science Studios, Twisted Pixel Games, Lift London, Rare, Turn10, PlayGround Games, BigPark sono tutti i first party di Microsoft e sono gli studi che realizzano giochi in esclusiva Xbox e PC.

I second party sono invece quelle software house a cui viene commissionato un lavoro in esclusiva ma che realizzano giochi anche per altri formati, come Crytek, Double Helix (prima dell’acuosizione da Amazon), Insomniac, Respawn.

I third party sono invece quelli che sviluppano su più formati e difficilmente realizzano titoli in esclusiva. Sono i vari Capcom, Electronic Arts, Ubisoft, Epic, Activision, Square Enix, Namco Bandai e via su questa strada.

Seconda domanda: X-Rays che contatti ha per essere così puntuale e discretamente preciso?

Risposta: Filiale di Microsoft Roma, nei pressi del centro commerciale Euroma 2, Roma Sud. Di più non posso dire se sono un dipendente oppure ho qualche amico che lavora lì. Serve per tutelare la mia figura e comunque in questa sede passano molte informazioni su Xbox.

Terza domanda: nonno X-Rays si è rimangiato i 2,6 TFLOPS di Xbox One.

Risposta: assolutamente no, il dual lane è vivo e vegeto ma l’argomento verrà affrontato in Inside Xbox One, non in Rumor Control.

Domanda: Xbox One supererà in prestazioni PS4?

Risposta: Con l’avvento delle DX12, tiled resource, cloud, migliori tool, Xbox One supererà PS4 in termini grafici. Ricordatevi che è un hardware scalabile e volatile, configurabile da MS grazie alla presenza di 50 MCU programmabili e dal sistema virtualizzato. Anche qui approfondiremo in Inside Xbox One.

Con questo chiudiamo Rumor Control #4, sperando che le nostre risposte siano state di vostro gradimento. Appuntamento a Sabato con Inside Xbox One e con Rumor Control che tornerà venerdì prossimo (in via del tutto eccezionale).