[mks_dropcap size="90" bg_color="#ffffff" txt_color="#e64946"]H[/mks_dropcap]a fatto scalpore, nell'ambito del Resolutiongate che ci sta accompagnando ormai da mesi, la notizia di stamattina secondo la quale Sunset Overdrive girerà a 900p e 30fps. Una notizia ufficiale, fornita dalla stessa Insomniac Games senza alcuna remora, come a dire “lo sveliamo solo adesso perché nessuno ce l'aveva chiesto prima”. Come a dire che l'orgoglio dei videogiocatori, i quali spesso scelgono una console piuttosto che un'altra e la difendono a spada tratta sulla rete, non conta proprio niente.

Perché, se non si fosse capito, conta eccome. Qui su Internet lo sappiamo tutti che conta, lo sappiamo benissimo.

Siamo in un'epoca completamente nuova, fatta di cose altrettanto nuove – chi aveva mai visto un developer parlare di compromessi così apertamente, prima della “next-gen”? - con cui stiamo ancora tutti imparando a rapportarci nel migliore dei modi. E tutte le persone con un briciolo di sale in zucca riconoscono che, alla fin fine, il gameplay è la cosa che conta di più. Eppure, la consapevolezza è una cosa, l'hype è un'altra.

Uscirsene con la storia dei 900p al termine di un E3 2014 piuttosto deludente potrebbe essere stata la mazzata finale per chi nutriva speranze e hype smisurati nei confronti di Sunset Overdrive. Ma sempre di speranze si parla, sempre della classica aria fritta destinata a sparire al momento dell'acquisto – con la copertina sbrilluccicante e una copia del gioco tra le mani.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=jfUnsI2WPZY[/youtube]

L'attesa è un'altalena di emozioni in continuo movimento, una curva ricca di oscillazioni, e per chi ha un minimo di esperienza sulle spalle non dovrebbe essere un problema riuscire a gestirla. Il problema, semmai, si presenterà al momento dell'avvio del titolo, con il Blu-ray nel lettore di Xbox One e le immagini che coloratissime scivoleranno via sullo schermo.

[mks_pullquote align="right" width="300" size="24" bg_color="#ffffff" txt_color="#e64946"]Questo genere di scelte viene preso dagli sviluppatori per garantire il miglior gameplay possibile[/mks_pullquote]

La cosa che dovrebbe consolare, al di là dei tanti pipponi tecnici che ci siamo e ci hanno fatto (un minimo di par condicio almeno in questo...) negli ultimi mesi, è che questo genere di scelte viene preso dagli sviluppatori per garantire il miglior gameplay possibile – cali di frame-rate scongiurati, ad esempio. E il buon motivo per non temere i 900p di Sunset Overdrive è proprio questo: il focus sulla giocabilità di cui eravamo stati finora tenuti all'oscuro, e che finisce per mettere in secondo piano ogni magagna di tipo tecnico e tecnologico possa venire a galla. Un focus che al primo evento pubblico non ha dato il risultato sperato. In molti hanno bocciato il gameplay approntato da Insomniac, definendolo bello da vedere ma meno da giocare, con l'inconcludenza di Dead Rising e l'effetto wow tristemente sparito dopo appena una decina di minuti. È questo che, in qualità di amante dei videogiochi, mi preoccupa. Anzi, mi terrorizza.

Mi terrorizza avere un gioco con le armi di Ratchet & Clank e il gameplay di Dead Rising, sì. Mi aspettavo, come del resto tanti di quelli che sono passati per l'E3, qualcosa di più: non una storia, perché l'aria cazzara Sunset Overdrive ce l'ha avuta fin dai primi trailer in computer grafica, ma un impatto di maggiore importanza presso i videogiocatori che si aspettavano un lore dettagliato e una città ricca di cose da fare, di varietà.

Questo, finora, Sunset Overdrive non sembra essere stato in grado di offrirlo. Però ci sono molti “ma”: la demo mostrata alla fiera losangelina potrebbe essere semplicemente sbagliata, tratta da un punto “noioso” del gioco magari subito dopo i tutorial iniziali - l'errore potrebbe essere stato compiuto non sul gioco completo, quindi, ma sulla versione proposta alla stampa. Anche queste ipotesi, come le precedenti, che non potrò confermare fin quando non avrò messo le mani sul titolo.

Fino ad allora mi toccherà tenere le orecchie drizzate e gli occhi spalancati sulla rete, a caccia di ulteriori report e video chiarificatori. E lo farò, ma certo non per cercare i pixel mancanti alla definizione tanto agognata dei 1080p.

Perché oltre la grafica c'è di più e all'orgoglio dei videogiocatori... e lo sapete anche voi, questo.