Subito dopo la conferenza Microsoft, è toccato a Electronic Arts salire sul palco dell'E3 2014.  Gli sviluppatori del colosso di Redwood City hanno presentato una vasta gamma di titoli, da Dragon Age: Inquisition a Mirror's Edge 2, passando per un lungo gameplay di Battlefield e per le simulazioni sportive, con queste ultime che hanno costituito lo zoccolo duro della conferenza.

Nonostante il numero piuttosto ampio di giochi annunciati, la presentazione EA è stata abbastanza deludente: salvo qualche piccola eccezione, i videogiochi sportivi non hanno mostrato nessuna particolare novità, mentre dai titoli più 'succulenti' ci si aspettava qualche informazione in più.

L'editore è partito a mille con un trailer inedito di un futuro Star Wars: Battlefront, annunciato per la prossima primavera. A seguire alcune bellissime sequenze di Dragon Age: Inquisition, terzo capitolo della saga sviluppata da Bioware. Il video ha mostrato paesaggi mozzafiato di ogni genere e alcuni frammenti di gameplay, mettendo in scena una grafica di notevole livello e un sistema di combattimento interessante. Il tutto impreziosito da un accompagnamento musicale di una violoncellista che ha suonato la colonna sonora del gioco. Un annuncio, questo, che farà sicuramente gola agli appassionati della serie, i cui primi due titoli hanno riscosso un notevole successi negli scorsi anni - Dragon Age: Inquisition uscirà il 7 ottobre.

Successivamente, spazio all'ennesimo capitolo di un'altra grande saga: il pubblico ha potuto ammirare alcuni nuovi concept art del prossimo Mass Effect. Il team della saga ha dichiarato di essere al lavoro su una nuova idea riguardante l'IP, della quale non è dato sapere ancora nulla. Sotto anche con il nuovo capitolo di  The Sims, una tipologia di videogame che ha riscosso un successo planetario. Una serie di innovazioni per quanto riguarda la componente emotiva dei personaggi creati lascia intuire che anche questo episodio sarà un successo, con particolare attenzione ai tratti della personalità del proprio avatar.

Battlefield: Hardline

Dopo diversi titoli interessanti, è arrivata la parte più curata della conferenza, quella dedicata allo sport. Il risultato però ha finito con l'essere tanto fumo e poco arrosto, poiché quanto mostrato a proposito dei vari FIFA, PGA Tour, NHL e via dicendo ha deluso le aspettative.

Iniziamo dal titano FIFA 15: gli sviluppatori hanno trasmesso un trailer altamente spettacolare che fa leva soprattutto sul sistema emotivo del calciatori e di come questo influisca sul loro morale e lo stile di gioco. Il tutto contornato da un comparto grafico senza precedenti, con notevoli miglioramenti sul peggioramento del campo a seconda delle condizioni atmosferiche e soprattutto sulla grafica del pubblico negli stadi. Purtroppo al di là di queste piccole indiscrezioni, null'altro è stato rivelato sul gioco.

Merita di essere citato EA Sports UFC, che si è presentato con un comparto grafico mozzafiato e un gameplay da urlo, incentrato su un realismo nelle animazioni e nei movimenti davvero senza precedenti. Il titolo di MMA sarà disponibile entro pochi giorni. Non è stata fatta menzione di NBA Live 15, mentre è stato annunciato il nuovo PGA Tour che uscirà nella primavera 2015.

Altro titolo interessante è stato Mirror's Edge 2, ma come per i precedenti annunci gli sviluppatori non sono andati oltre un breve filmato di gameplay e prototipi. Estremamente interessante è stato invece un succoso video di Battlefield: Hardline, lungo ben 7 minuti: gli spettatori hanno potuto ammirare sequenze di gamplay tra ladri e poliziotti a Los Angeles, caratterizzati da crolli di palazzi immensi e utilizzo di veicoli, il tutto resto estremamente realistico da una grafica pressoché perfetta.

star-wars-battlefront

In definitiva, la conferenza Electronic Arts è stata un insieme di alti e bassi: le premesse dei prodotti mostrati sono ottime, ma ci si aspettava qualcosina in più soprattutto dagli ambiti FIFA, Dragon Age: Inquisition e Star Wars: Battlefront.

L'impressione è che sia stato dato troppo spazio ai titoli sportivi, dei quali peraltro i contenuti sono stati abbastanza scarni.