Microsoft ha aperto le danze dell’E3 2014 ancora una volta con la propria conferenza. La casa di Redmond aveva bisogno di un E3 scoppiettante per ridare fiducia agli scontenti di Xbox One ed invogliare nuovi acquirenti ed investitori, ce l’avrà fatta? Scopriamolo ripercorrendo insieme le fasi dell’evento.

Ad accogliere il pubblico di Los Angeles è ovviamente Phil Spencer, l’uomo del momento di Microsoft. Fin da subito si capisce come a Redmond abbiano fatto i compiti a casa con diligenza, imparando dagli errori e prendendo in considerazione i feedback della community. Spencer infatti rassicura subito il pubblico che sarà una conferenza basata sui giochi beccandosi degli applausi facili, addirittura sbilanciandosi in un discorso da “volemose bene”, dichiarando che a questo E3 insieme agli “amici di Nintendo e Sony” l’intenzione e quella di mostrare il potenziale dei videogiochi, un media in forte crescita di anno in anno.

La conferenza si apre come da tradizione con Call of Duty, stavolta nell’ultima incarnazione Advanced Warfare, il titolo in sviluppo presso Sledgehammer Games con il compito di alzare lo standard qualitativo della saga. La sequenza di gameplay giocata dal vivo si apre con l’atterraggio di un velivolo che non finisce come sperato, in cui il protagonista è uno dei passeggeri. Dopo il disastro sfiorato si inizia subito con il gameplay vero e proprio che, almeno per quanto visto, non sembrerebbe differenziarsi troppo dallo standard della saga. Oltretutto l’intera sequenza è priva di qualsiasi elemento grafico o hub a schermo, quindi è impossibile per ora capire le effettive novità. Proseguendo con l’incursione in città si nota subito come la produzione sia curatissima a livello grafico, l’impatto con la città e notevole e finalmente si iniziano a vedere i primi titoli veramente next-gen.

maxresdefault
Kevin Spacey presterà il volto al villain di Call of Duty Advanced Warfare

Mentre la sequenza prosegue avviandosi alla conclusione, è impossibile non notare l’influenza ricevuta da Titanfall. Si intravede un mech poco più alto di un uomo e un altro robot a forma di aracnide sovrastare il nostro plotone mentre si insinua in una trincea improvvisata, oltre ad una serie di gadget ed armi tra cui un piccolo jetpack che ricordano fortemente la produzione di Respawn. Graficamente il nuovo Call of Duty: Advanced Warfare è impressionante ed estremamente fluido, ancora una volta resta da vedere la qualità dei contenuti che potremo scoprire dal 4 novembre 2014, data di uscita ufficiale del titolo.

Subito dopo tocca a Dan Greenawalt di Turn 10, che dopo il breve annuncio del nuovo circuito gratuito del Nurburgring per Forza Motorsport 5 passa il volante a Ralph Fulton per Forza Horizon 2. Vengono confermate sostanzialmente quelle che erano le feature che avevano preannunciato i rumor: un ciclo notte-giorno dinamico così come il meteo, motore grafico basato su Forza Motorsport 5, aggiunta dei Drivatar e un multiplayer fluido senza interruzioni rispetto all’esperienza single player. Titolo abbastanza atteso e promettente, in uscita il 30 settembre 2014.

[mks_pullquote align="right" width="300" size="24" bg_color="#ffffff" txt_color="#e64946"]Nella conferenza Microsoft c’è tempo anche per Evolve[/mks_pullquote]

Nella conferenza Microsoft c’è tempo anche per Evolve, il promettente sparatutto multiplayer asimmetrico di 2K e Valve. Niente grosse novità ma un nuovo trailer che riassume un po’ le caratteristiche del titolo già note ai più, con la piacevole conferma di DLC e fase beta in esclusiva per Xbox One.

A sorpresa invece viene presentato Assassin’s Creed Unity sul palco di Microsoft, al contrario degli scorsi anni in cui era Sony ad ospitare la saga di Ubisoft. Si parte subito con una demo gameplay della modalità cooperativa a quattro giocatori di cui si vociferava nei giorni scorsi. Come per Call of Duty: Advanced Warfare, anche Unity è un titolo che mostra i muscoli dal punto di vista grafico. Dopo un bellissimo scorcio della città si passa ad insinuarsi furtivi in una gigantesca folla in rivolta – come saprete senz’altro il titolo è ambientato durante la Rivoluzione Francese - dove oltre ad essere maestoso dal punto di vista grafico, il gioco non mostra alcun rallentamento nel frame rate. La missione in questione richiede l’assassinio di un nobile francese, presumiamo un templare, infiltrandosi nella sua villa per eliminarlo.

In Assassin’s Creed Unity si possono visitare liberamente gli interni delle abitazioni, diversamente dalle sequenze scriptate del terzo capitolo, che con la complicità della bellezza architettonica tipica del periodo storico di riferimento, sono davvero belle e suggestive. L’azione prosegue tra momenti di cooperazione per eliminare furtivamente le guardie, usando una serie di azioni e tattiche cooperative, e alcuni più frenetici in cui assassinare velocemente gli avversari nello stile tipico della saga. In un momento della presentazione viene fatto vedere a schermo contemporaneamente cosa succede dal punto di vista dei quattro giocatori, dando uno scorcio sulle possibilità di gameplay che potrebbero essere genuinamente divertenti come poche. Una volta data la lezione alla nostra preda la demo finisce, senza purtroppo nessun dettaglio ulteriore sulla trama ne sui personaggi che andremo ad interpretare in Assassin’s Creed Unity, tantomeno la finestra di lancio sul mercato del titolo.

[mks_pullquote align="right" width="300" size="24" bg_color="#ffffff" txt_color="#e64946"]Piccola incursione di BioWare con un trailer di Dragon Age Inquisition[/mks_pullquote]

A seguire piccola incursione di Bioware con un trailer di Dragon Age Inquisition. Il video ci dà un assaggio di quella che potrebbe essere la trama del titolo, che ci aspettiamo profonda e carica di emotività come da tradizione Bioware, e un assaggio di gameplay che sembra sulla linea di quello del secondo episodio. Dragon Age Inquisition sarà disponibile dal 7 ottobre.

Tocca finalmente a Sunset Overdrive, titolo che ha occupato le pagine delle testate giornalistiche di tutto il mondo nei giorni scorsi. Il titolo di Insomniac si presenta con un trailer molto ironico, in cui il protagonista del gioco irrompe portando scompiglio e colore in una grigia sparatoria tra un tipico soldati e terroristi – critica non troppo velata agli shooter sul mercato – e dandoci un cenno sulla storia. Rivolgendosi direttamente al giocatore sfondando la quarta parete, il protagonista ci introduce Sunset City i cui abitanti sono stati trasformati in mutanti da un drink energetico contaminato. Coloro che non si sono trasformati ora combattono tra di loro per la sopravvivenza.

Sunset Overdrive mostra un grande carisma e un taglio artistico molto originale, tra ironia e battute auto-referenziali verso il mondo dei videogiochi, il titolo di Insomniac potrebbe dare una ventata di freschezza al mercato. A seguire è stato mostrato un video gameplay che ci illustra le caratteristiche vere e proprie del gioco. Con alcune meccaniche platform mutuate dal mitico Jet Set Radio, Sunset Overdrive è un titolo coloratissimo, dinamico e molto divertente, curatissimo nello stile e nel design dei personaggi – sarà possibile personalizzare il proprio avatar – e delle armi. Sarà presente ovviamente una modalità multiplayer online che sfrutterà i server dedicati di Xbox Live. Le scorribande a Sunset City inizieranno dal 28 Ottobre 2014, data di uscita di Sunset Overdrive.

sunset-overdrive-e3-rollercoaster-1_jpg_0x0_q85
Sunset Overdrive promette di essere un gioco esplosivo

Ovviamente Microsoft non si è dimenticata dei titoli già disponibili per Xbox One. È stato annunciato infatti un nuovo DLC per Dead Rising 3 dal nome decisamente altisonante: Super Ultra Dead Rising 3 Arcade Remix Hyper Edition EX Plus Alpha. Si tratta di un’espansione cooperativa in cui è possibile giocare con i personaggi del passato Capcom, da Ryu alla protagonista di Dino Crisis passando ovviamente per i protagonisti dei precedenti Dead Rising. L’espansione ha un lato fortemente demenziale e porterà parecchio colore a Dead Rising 3. Il DLC è già disponibile per il download su Xbox Live.

Successivamente è il momento di Harmonix che ha subito annunciato Fantasia: Music Evolved, titolo musicale che dovrebbe sfruttare Kinect, in cui come un apprendista stregone si potranno remixare le proprie canzoni preferite. Il titolo sarà disponibile per Xbox 360 e Xbox One disponibile dal 21 ottobre. A Settembre sarà inoltre disponibile Dance Central Spotlight, titolo della serie storica di Harmonix disponibile esclusivamente in digital delivery. Grazie ad una nuova tecnologia sarà molto più semplice aggiornare la tracklist del titolo, addirittura con una cadenza settimanale.

Attesissimo dai fan si torna a parlare di Fable Legends con una demo di gameplay piuttosto succosa. Il gioco avrà una città che funge da hub centrale e da casa vera e propria del vostro eroe, da cui partire per le vostre avventure in multiplayer. Una volta riuniti i quattro personaggi della demo si parte con la missione, un viaggio in una foresta per recuperare un artefatto. Il gameplay è basato interamente sulle differenze tra le classi dei personaggi, pertanto la cooperazione sarà fondamentale per portare a termine le quest. La feature interessante di Fable Legends è la possibilità di poter interpretare il Villain, una sorta di dungeon master crudele con la possibilità di creare le ambientazioni, le trappole, i mostri ed ogni genere di cattiveria da scagliare contro gli eroi. Nessuna novità sulla data di uscita, tranne l’inizio della beta previsto per l’autunno.

fable-legends-gallery-1-high
Quattro personaggi contro il Villain. Da che parte giocherete?

Breve (purtroppo) incursione per Project Spark con un trailer che ci ricorda le funzionalità creative del titolo in modo molto simpatico, aggiornandoci anche sull’entità delle creazioni finora effettuate dagli utenti che superano il milione. La novità è l’aggiunta di un intero set di tool e prop a tema futuristico e, sorpresa finale, l’aggiunta del mitico scoiattolo Conker tra i personaggi utilizzabili Project Spark.

A seguire è stato presentato un titolo che sembra molto interessante, Ori and the Blind Forest. Si è scoperto veramente poco, se non che si tratta di un platform artisticamente molto ispirato e curato, attendiamo successive informazioni.

[mks_pullquote align="right" width="300" size="24" bg_color="#ffffff" txt_color="#e64946"]Nella parte centrale della conferenza arriva il pezzo da novanta di casa Microsoft[/mks_pullquote]

Proprio nella parte centrale della conferenza arriva il pezzo da novanta di casa Microsoft, preannunciato con le note della sua ormai iconica colonna sonora: è arrivato il momento di Halo. Un evocativo trailer ci mostra Master Chief intento in una delle sue rocambolesche operazioni, mentre intravediamo un nuovo personaggio – forse uno spartan? – che osserva la scena e ascolta un discorso fatto da una terza persona. Contestualmente a questo trailer viene confermato Halo the Master Chief Collection per l’11 novembre 2014.

La collection conterrà tutti gli episodi con protagonista Master Chief appunto, tra cui anche il remake di Halo 2, contenente le stesse mappe e la stessa esperienza multiplayer – osannata dai fan – del passato, con la particolarità di poter ritornare al design grafico originale delle mappe, per i giocatori più radical chic. In totale ci saranno 100 mappe multiplayer e il tutto girerà a 1080p e 60fps. Nella collection ci sarà anche Halo Nightfall, una serie live action prodotta da Ridley Scott attualmente in lavorazione che fungerà da prologo a Halo 5 Guardians. Per concludere il capitolo Halo della conferenza, è stato annunciato con un trailer che a Dicembre si aprirà la beta di Halo 5 Guardians.

Torna Phil Spencer sul palco con una t-shirt di Limbo non a caso. Infatti è il momento di presentare il nuovo titolo di Playdead in uscita nel 2015, Inside. Suggestivo e, come da tradizione della software house, stilisticamente ispirato platform 2D che siamo sicuri farà molto successo vista la qualità indiscussa degli sviluppatori.

A seguire parte una carrellata velocissima dei tantissimi indie che usciranno tramite il programma ID@Xbox, il vivaio di sviluppatori indie di Xbox. Ci piace segnalare tra i tanti Fru, un platform che sfrutta Kinect in modo intelligente, un progetto tutto italiano nato dalla Global Game Jam 14.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=Rq6T-fz5jNQ[/youtube]

Un po’ a sorpresa a dire la verità il trailer di Rise of the Tomb Raider, seguito del Tomb Raider uscito nel 2013. Nel trailer mostrato Lara si trova da un terapista, per affrontare le conseguenze dell’esperienza traumatica vissuta nell’isola del precedente capitolo. Durante il teaser si intravedono poi spezzoni di quella che sarà la prossima avventura dell’archeologa, che tra orsi inferociti ed ambientazioni innevate è destinata a diventare al leggendaria Lara Croft.

Tocca poi a CD Projekt Red con l’attesissimo The Witcher 3 Wild Hunt. Con una lunga demo gameplay è stato possibile approfondire le dinamiche di caccia che danno il nome al gioco. Graficamente il titolo è impressionante, la foresta è molto realistica e suggestiva. Nella missione Geralt segue le tracce della preda, sfruttando anche i suoi sensi sviluppati da witcher, aiutandosi con il sangue lasciato dalle ferite aperte della bestia.

[mks_pullquote align="right" width="300" size="24" bg_color="#ffffff" txt_color="#e64946"]Un combat system molto fluido e funzionale[/mks_pullquote]

Nella missione c’è anche un sezione di combattimento, impossibile avere un’impressione chiara al riguardo ma sicuramente si tratta di un combat system molto fluido e funzionale alla natura action del titolo. Infine Geralt si confronta con la bestia sulla cima di una collina, un grosso grifone che il nostro witcher, in un combattimento spettacolare che restituisce un’epicità notevole, riesce ad abbattere grazie alle sue grandi capacità. Che dire, grande attesa per il terzo titolo di questa grandissima saga. Poi c’è stato un altro breve annuncio riguardante il remake di Phantom Dust, titolo uscito per la prima Xbox, annunciato con un trailer molto corto ma abbastanza evocativo. Anche qui nessuna informazione né data di rilascio.

A seguire Tom Clancy's The Division si è mostrato con un lungo gameplay giocato dal vivo. Inizialmente la squadra di guerriglieri si è occupata di indagare in una metropolitana riguardo degli strani incidenti, successivamente mentre salgono in superficie si incontrano con un altro giocatore per continuare il pattugliamento.

The Division è un titolo estremamente potente dal punto di vista visivo, la città ha una resa grafica spettacolare così come le ambientazioni in generale. Il gameplay mostrato è quello di una sparatoria molto dinamica contro la cpu, durante la quale oltre a sfruttare coperture e gadget di ogni genere, è stato possibile intravedere quella che sembra una componente rpg, come i punti esperienza che vengono dati ad ogni uccisione. Purtroppo rimane la conferma di un generico 2015 come data di uscita.

maxresdefault (1)
Scalebound sarà un action interessante?

A sorpresa sale sul palco poi Hideki Kamiya di Platinum Games per annunciare Scalebound, esclusiva third party per Xbox One. Nel trailer vediamo un giovane spadaccino in compagnia del suo drago che vaga in una foresta a caccia di un mostro, successivamente durante il combattimento contro la bestia lo vediamo evocare un’armatura dal nulla e salire in sella al suo drago per affrontare una creatura ben più pericolosa e grossa. Si promette un action game frenetico e carico di stile, caratteristiche tipiche dei giochi Platinum Games.

Infine a chiudere la conferenza arriva l’annuncio del remake di Crackdown con un trailer, a conferma dei rumor che circolavano da settimane. Ovviamente esclusiva Xbox One e aggiornamento totale a livello grafico e di gameplay.

Volendo dare un giudizio finale, la conferenza Microsoft ha dimostrato che la casa di Redmond è capace di provvedere ai propri errori. Molti giochi uno dietro l’altro, alcune esclusive e ad altri approfondimenti su titoli già visti. Pesano come un macigno le assenze di Quantum Break – sarà in pompa magna alla Gamescom di Colonia – e un qualsiasi dettaglio sul nuovo Gears of War in sviluppo presso Black Tusk Studios. Tutto sommato la ritengo una conferenza riuscita nel complesso, sicuramente ben lontana dalle insostenibili performance del 2013.

Continuate a seguirci nei giorni dell’E3, vi terremo informati su ogni aggiornamento e novità from the City of Angels! E adesso buonanotte, ché mentre ho scritto questo articolo si è fatta una certa.