Nonostante l'ultima uscita pubblica di Andrew Wilson, CEO di EA, in cui si confermava un rapporto di fiducia tra le parti, sembrerebbe che Disney e Lucasfilm non siano soddisfatti del lavoro svolto sin qui sui videogiochi di Star Wars.

Secondo un nuovo rumor, rimbalzato dalle pagine di Cinelinx, la casa di Topolino avrebbe addirittura contattato Activision e Ubisoft per sondarne l'interesse nei confronti della licenza di Guerre Stellari.

Alla base dell'insoddisfazione ci sarebbe non tanto la patata bollente delle microtransazioni in Battlefront II, quanto il flusso ritenuto troppo lento di nuovi giochi basati sulla licenza.

L'accordo decennale tra Disney ed Electronic Arts è stato siglato nel 2013, e da allora soltanto due titoli - Star Wars Battlefront e il seguito - sono stati pubblicati, il primo senza neppure una campagna single player.

È vero che Respawn Entertainment ha un action in terza persona in sviluppo e che si continua a lavorare presso EA Vancouver su ciò che resta dello Star Wars di Visceral Games, ma lo è anche che tutto questo processo è stato estremamente lento finora e assai turbolento.

Uscire da un accordo del genere potrebbe costare molto a Disney e non sappiamo se ci sia davvero la volontà di rompere in questo momento, ma non ci stupirebbe comunque un sondaggio per valutare altre opzioni o semplicemente per mettere pressione al publisher californiano.