Star Wars Battlefront II verrà sicuramente ricordato per la polemica dei Loot Boxes e, grazie a quanto accaduto oggi, per le minacce di morte ricevute da uno sviluppatore.

Ebbene sì, dopo che si è scoperto che nel gioco, per poter sbloccare un singolo Eroe, ci vorranno circa 40 ore di gioco a meno che non si è disposti a pagare, è scoppiato letteralmente il putfierio.

I giocatori si sono giustamente adirati, ma sono riusciti ad andare oltre e addirittura minacciare uno sviluppatore del gioco, tale Sean (@BiggSean66 su Twitter).

Nel suo cinguettio, riportato da WCCFTech, Sean ha infatti dichiarato che in sole 48 ore ha ricevuto già 7 minacce di morte e circa 1600 minacce personali.

Numeri che fanno veramente paura, se si pensa che vengono da "fan" fin troppo accaniti della saga.

Ma la cosa che fa ancora più paura è che Sean, nei tweet successivi, afferma di non aver lavorato al gioco ma che ha comunque ricevuto minacce perché "lavoro per Electronic Arts".

Voi cosa ne pensate dell'accaduto? Fatecelo sapere nei commenti.