Se scegliete di prenderne una state certi che la X, almeno, è una scatola nera che può stare sotto il vostro televisore e senza mortificare l’estetica del vostro salotto.

Abbiamo ancora una Xbox One originale e una PS4, e metterci la X vicino è una sorta di remainder di quanto fossero brutte le ultime console (includo anche quello sgraziato club sandwich che è PS4 Pro in questo ragionamento).

Xbox One X ha linee pulite, contorni rifiniti, è più piccola e discreta, e dà l’impressione che Microsoft non stesse neppure provando a renderla così gradevole (che, come tutti sanno, è l’unico modo per essere gradevoli).

È, comunque, pesante. Come la S, ha un alimentatore interno e quando la alzi si avverte la zavorra extra, quindi come molte altre console può essere scomodo portarsela dietro.

È densa, come se ogni millimetro di spazio al suo interno sia stato utilizzato per farci entrare altri teraflop. Come uno di quei brownies che sono così spessi che potresti usarli al posto dei mattoni per costruirci una casa.

xbox one x