In vista della prossima e attesa Milan Games Week 2017, la più importante manifestazione italiana del videogioco, da venerdì 29 settembre a domenica 1 ottobre 2017 a Fiera Milano Rho, abbiamo avuto il piacere e l’onore di intervistare Thalita Malagò, dal 2005 Segretario Generale di AESVI - Associazione Editori Sviluppatori Videogiochi Italiani.

Una discussione, quella che potete leggere appena sotto, che ha toccato diverse punti cardine, dallo stato di salute del videogioco Made In Italy, sino alle aspettative di una edizione 2017 di Milan Games Week che promette tantissime novità e ospiti di prim’ordine.

Da cosa deriva la scelta di cambiare location per l’edizione 2017 della Milan Games Week, ora posta in una cornice realmente inedita come quella di Fiera Rho?

La decisione deriva dalla crescita esponenziale che ha avuto la manifestazione dal suo debutto ad oggi. Siamo partiti con 30.000 visitatori nella prima edizione del 2011 per arrivare a oltre 138.000 presenze nell’ultima edizione. Con questi numeri era impensabile rimanere a Fiera Milano City. Abbiamo dovuto quindi guardare avanti e fare una scelta di campo, anche pensando all’ulteriore sviluppo che potrà avere la manifestazione nel prossimo futuro. Fiera Milano Rho è il polo fieristico che a Milano ospita le più importanti manifestazioni in termini di affluenza di pubblico (l’esempio più celebre è l’Artigiano in Fiera, che nel 2016 ha registrato 1,5 milioni di presenze) e, anche se a prima vista può apparire meno centrale rispetto a Fiera Milano City, è collegata molto bene alla città ed è raggiungibile più facilmente anche da chi arriva da fuori Milano. Chi verrà a trovarci da venerdì 29 settembre a domenica 1 ottobre scoprirà una struttura più moderna e tecnologica e, anche dal punto di vista del look & feel, più vicina all’immagine che siamo abituati a ricevere delle grandi fiere del settore a livello internazionale.

Sono oltre 50 i giochi previsti nel padiglione dedicato alle eccellenze italiane: un risultato realmente sorprendente, visti gli enormi passi avanti rispetto alle edizioni precedenti. Siete soddisfatti dall’obiettivo raggiunto?

Assolutamente sì. Milan Games Week senza gli sviluppatori italiani non sarebbe Milan Games Week. Tutti gli anni AESVI lavora in prima linea per fare in modo che il Made in Italy abbia il posto che merita nella manifestazione per eccellenza del settore. Quest’anno abbiamo fatto un investimento senza precedenti, mettendo a disposizione 40 postazioni espositive gratuite che sono state assegnate ad altrettanti sviluppatori a seguito di una call che ha ricevuto oltre 70 candidature da tutta Italia. A MGW 2017 avremo lo stand Indie più grande di sempre (360 mq), con una varietà di titoli in esposizione sorprendente, e sarà collocato in una posizione di assoluta centralità nel padiglione dedicato all’industria videoludica. Il nostro PR Manager Giorgio Catania ha coordinato l’operazione, facendo da punto di riferimento per circa 50 espositori, e sarà la nostra “faccia” allo stand.

aesvi

I videogiochi in Italia sono spesso inquadrati come un “danno”, visti erroneamente dai non addetti ai lavori alla stregua del gioco d’azzardo. Quali pensate siano le mosse giuste per riuscire a far cambiare idea all’opinione pubblica?

Secondo noi è solo una questione di tempo. È indubbio che l’Italia sia uno dei paesi europei dove si registra un livello di accettazione sociale del videogioco piuttosto basso. Tuttavia la percezione del mezzo è cambiata molto negli ultimi anni ed è destinata a cambiare sempre di più, anche in considerazione del fatto che il videogioco sta diventando un prodotto di intrattenimento sempre più diffuso tra gli italiani. C’è però ancora molto lavoro da fare e secondo noi la chiave di volta saranno proprio gli sviluppatori nostrani. Fino a poco tempo fa si pensava che l’Italia fosse solo un mercato in cui si “consumano” videogiochi, negli ultimi anni è cresciuta invece la consapevolezza, sia da parte delle istituzioni che dei media, che c’è spazio per lo sviluppo di un’industria nazionale anche qui da noi.

AESVI ha partecipato attivamente anche alla Gamescom di Colonia - con il programma Games In Italy – un evento che ha visto la presenza di una figura importante come la Cancelliera Angela Merkel. Vedere un giorno il Presidente del Consiglio inaugurare una manifestazione come Milan Games Week, è un sogno o si sta lavorando per fa sì che ciò accada?

Prima o poi sono certa che riusciremo ad avere una presenza istituzionale importante anche a MGW. Ci stiamo lavorando e, anche qui, è solo una questione di tempo. La recente approvazione della Legge Cinema, che per la prima volta ha esteso ai videogiochi le misure di sostegno previste per il cinema come il tax credit e i contributi allo sviluppo, è indubbiamente un passo in avanti significativo per il riconoscimento del settore e sono fiduciosa che servirà ad aprire molte porte, che fino a ora sono state chiuse o socchiuse. Quest’anno ho partecipato all’Opening Conference di Gamescom ed è stato davvero emozionante vedere Angela Merkel sul palco e poi in visita alla fiera. È probabilmente uno dei personaggi politici che, nell’immaginario collettivo, risulta più lontano dal mondo dei videogiochi. Spero che anche questo esempio straordinario servirà ad avvicinare la nostra politica al settore.

aesvi

Il giro d’affari per il videogioco continua a crescere, registrando 206 milioni di euro e un +7,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Quali sono le previsioni per il prossimo 2018?

I dati che hai citato si riferiscono ai primi 5 mesi del 2017 e confermano il trend positivo di crescita registrato dal mercato nel 2016. Questo risultato è frutto del consolidamento delle console di nuova generazione, del boom del software digitale e dell’avvento sul mercato dei visori di realtà virtuale. Cresce sia il giro d’affari del settore che il pubblico di videogiocatori, sempre più adulto e consapevole, oltre che interessato a nuove modalità di fruizione. Guardiamo al 2018 con entusiasmo, consci delle potenzialità di crescita del settore più tecnologico e creativo nel panorama dell’industria dell’intrattenimento. L’industria videoludica si trova oggi nel pieno di una fase evolutiva in cui l’ingresso di nuovi dispositivi e la diffusione dello streaming aprono la strada al cambiamento nelle modalità di consumo e a nuovi usi del videogioco stesso.

Tim Schafer sarà il padrino di Milan Games Week 2017, una figura storica e nota a tutti gli appassionati di videogiochi. C’è qualche altra guest star o sorpresa speciale in serbo per questa edizione della fiera milanese?

Quest’anno avremo un numero di ospiti davvero eccezionale! È questione di pochi giorni: a brevissimo saremo in grado di annunciarvi altri ospiti internazionali che saranno presenti a Milan Games Week nelle giornate di venerdì e sabato e saranno disponibili per meet&great con i propri fan. Inoltre, grazie alle partnership con Intesa SanPaolo - partner istituzionale della manifestazione - e con Radio 105 - radio ufficiale - avremo artisti e deejay che si esibiranno sullo scenografico Palco Centrale tutte e tre le giornate di evento. Infine, non mancherà il coinvolgimento di youtuber e influencer. Vi invito pertanto a seguire la pagina FB di Milan Games Week per aggiornamenti ufficiali!