Ci sono saghe particolarmente amate. E poi ci sono tutta quella serie di giochi che, complice anche quella voglia di sperimentare da parte degli sviluppatori, decidono giocoforza di unire due mondi, due concetti spesso slegati completamente tra di loro o addirittura appartenenti a medium lontani anni luce.

In questi giorni, è proprio il divertente Mario + Rabbids Kingdom Battle di Ubisoft Milan a dare prova di questa semplicistica operazione, con un risultato che è andato ben oltre ogni più rosea previsione. Chi videogioca da tanti anni sa bene però che nel corso delle varie generazioni sono stati realmente tanti i cosiddetti crossover che hanno visto collidere due universi in un singolo prodotto.

Eccovi quindi i 7 migliori titoli – secondo il nostro inattaccabile punto di vista - dedicati alle accoppiate vincenti più famose della storia dei videogiochi.

crossover

Robocop Versus The Terminator

Ovvero, uno dei crossover più amati dell’epoca a 16-bit. Robocop Versus The Terminator è ben più di un semplice tie-in, solo in parte ispirato alle due saghe cinematografiche e all’omonima miniserie a fumetti, mettendoci nei panni del cyborg di latta in un classico shooter a scorrimento, con una valanga di armi da fuoco a disposizione.

Il gioco fu convertito per numerose piattaforme dell’epoca e l’impatto è stato tale che ci fu la seria possibilità di vedere anche un film dedicato proprio all’incontro tra i due celebri personaggi ed ispirato al videogioco omonimo. Purtroppo, l’idea morì lì. Il ricordo no.

crossover

Battletoads & Double Dragon: The Ultimate Team

Altro titolo seminale degli anni 90 – e sviluppato nientemeno che da Rare - Battletoads & Double Dragon: The Ultimate Team è un beat 'em up a scorrimento, fusione fra la serie di Double Dragon di Technos Japan e Battletoads.

Le rane guerriere assieme alla coppia di esperti di arti marziali Billy e Jimmy, chiamati a collaborare per sconfiggere la minaccia di turno: un incipit tanto surreale quanto funzionale al contesto, con ben cinque personaggi selezionabili, sette livelli di gioco e la solita schiera di nemici da prendere a pugni e calci. Come in ogni picchiaduro a scorrimento che si rispetti.

crossover

Mario & Sonic ai Giochi Olimpici

Concepito come titolo sportivo per console Nintendo Wii e Nintendo DS in vista dei giochi della XXIX Olimpiade a Pechino nel 2008, Mario & Sonic ai Giochi Olimpici è il primo, vero crossover tra le serie di Mario e Sonic. Le due storiche icone dei platform si sfidano infatti per la prima volta sul campo da gioco, attraverso varie discipline sportive realmente esistenti (tra cui Salto in lungo, Salto triplo, Giavellotto, Nuoto stile libero, Ginnastica artistica e Tiro con l’arco).

Il successo del gioco concesse a Nintendo di realizzare tempo dopo anche un primo seguito, Mario & Sonic ai Giochi Olimpici Invernali, basato questa volta sui Giochi Olimpici Invernali di Vancouver.

crossover

Il Professor Layton vs. Phoenix Wright: Ace Attorney

Sviluppato dalla Level-5 e dalla Capcom e pubblicato per Nintendo 3DS dalla stessa Level-5, Il Professor Layton vs. Phoenix Wright: Ace Attorney è un crossover realmente particolare, che unisce due serie di videogiochi diverse per stile e ambientazione, ma che eccezionalmente riescono a legarsi molto bene, dando alla luce un titolo quasi perfetto.

Un archeologo e un avvocato, in una città che sembra uscita dalla mente di un sognatore, dovranno unire le forze per venire a capo di una vicenda realmente complessa. Una trama appassionante e due gameplay fusi alla perfezione, ne hanno decretato il successo. Chissà che un giorno il Professor Layton non decida di avviare una nuova indagine con Phoenix Wright.

crossover

Marvel vs. Capcom: Clash of Super Heroes

Il terzo capitolo della serie “vs.” di Capcom è destinato a rimanere impresso nei cuori e nelle menti dei videogiocatori per molto, ma molto tempo. Complice l’innato fascino dei personaggi nati dai fumetti Marvel Comics e i protagonisti iconici di alcune tra le maggiori saghe di Captive Communication, il picchiaduro 2D crossover realizzato nel 1997 è ancora oggi particolarmente amato dai fanatici delle mezze lune.

Specie per la frenesia e la spettacolarità degli scontri (oltre che per la presenza di Onslaught, un boss finale assolutamente inedito). La serie tornerà presto alla ribalta con Marvel vs. Capcom Infinite, atteso su console current gen e PC.

crossover

Mortal Kombat vs DC Universe

Unire i personaggi dei fumetti DC Comics a quelli della sanguinolenta saga di picchiaduro di Mortal Kombat vuol dire scendere a patti con una narrazione capace di dare libero sfogo alla fantasia. E il risultato, al netto del sangue presente a schermo, fu assolutamente degno di nota. Vedere Batman scontrarsi con Sub-Zero, oppure il Joker sfidare Scorpion a suon di “scherzetti” è un’emozione che pochi titoli hanno saputo restituire, ben prima che Injustice invadesse la scena dei picchiaduro basati sugli eroi DC.

Curiosità: in Mortal Kombat vs. DC Universe le fatality potevano essere eseguite solo dai personaggi di Mortal Kombat e dai villain dei fumetti. Perché i super eroi, si sa, preferiscono non torcere un capello al proprio avversario.

crossover

Alien VS Predator

Forse, uno dei crossover più importanti della storia dei videogiochi. L’incontro tra due personaggi della fantascienza horror che più di ogni altri hanno emozionato – e terrorizzato – una legione di spettatori al cinema. Sto chiaramente parlando di Alien e Predator, cacciatore e guerriero, per uno sparatutto in soggettiva uscito sulla sfortunata console Atari Jaguar e ancora oggi considerato un cult immortale e senza tempo.

I due personaggi hanno poi provato a rincontrarsi in vari sequel e riletture più o meno riuscite, senza mai replicare per la perfezione del titolo originale, sviluppato nell’ormai lontanissimo 1994 da Rebellion.