Per fare un'analisi di Rainbow Six Siege è giusto partire dai fatti e quest'ultimi sono rappresentati dalle ultime notizie arrivate da Ubisoft tramite i canali ufficiali.

Modifica alla rotazione delle mappe

Le playlist subiranno degli enormi cambiamenti, in Classificata e in Libera, con l'inizio della Stagione 3. Sarà introdotta la playlist prevista per il mondo competitivo della Pro League

Playlist competitiva classificata

"Per consentire ai nostri giocatori di affinare le proprie competenze nell'ambiente più competitivo disponibile, stiamo riducendo il numero totale di mappe nella rotazione della mappe. Le seguenti mappe saranno incluse nella rotazione delle Classificata per la Stagione 3".

A partire da questa stagione, la playlist delle Classificate includerà le stesse 9 mappe presenti in Pro League. La playlist Classificata, come la playlist ESL, verrà cambiata ogni stagione, offrendo una diversa selezione di mappe disponibili.

"Inoltre, escluderemo le Mappe aggiunte nella nuova stagione da entrambe le playlist Classificata e Pro League. Ciò per garantire che i giocatori abbiano il tempo di esplorare ed apprendere le nuove mappe in Libera ed in Personalizzata, e per fare in modo che sia possibile eliminare qualsiasi problema o glitch prima di immettere nuove mappe nel pool di mappe competitivo".

Playlist Libera

Nella Stagione 3 sarà ridotto anche il pool di Mappe in Libera a 15 mappe. "Ridurre il numero totale di mappe disponibili nella playlist Libera rende il processo di apprendimento delle mappe, che Rainbow Six ha da offrire, più facile per i nuovi giocatori. Abbiamo constatato la ripida curva di apprendimento che i nostri nuovi giocatori affrontano in termini di conoscenza della mappa e questo è uno dei modi in cui intendiamo affrontarla".

Le mappe rimosse saranno rielaborate dal team di Level Design e per chiarezza dovete sapere che non tutte le mappe che vengono rimosse dalla playlist Libera saranno rielaborate, ma alcune di esse "lo saranno nel corso degli anni a venire".

La giustificazione di tutto ciò è il limite della dimensione massima di dati, che richiederà una rielaborazione consistente per ridurre il peso di ogni elemento presente. Quindi alcune mappe saranno rimosse completamente, non dalla stagione 3 ma in futuro.

Le mappe disponibili nella pool della playlist Libera per la Stagione 3 saranno le seguenti:

Mentre alcune mappe potrebbero non far più parte della rotazione di Classificate o Libere, tutte saranno disponibili per le partite Personalizzate, per il momento.

Preferenza mappe

"Dopo aver rivisto la meccanica del sistema di Preferenza Mappe, abbiamo deciso di disattivare questo sistema per tutti i PvP Multiplayer (lo terremo per la Caccia al Terroristi, in modo che voi e la vostra squadra possiate selezionare mappe specifiche). Non abbiamo una tempistica per il ritorno di questa funzionalità al PvP, nel mentre stiamo esplorando alcune implementazioni alternative che riteniamo possano migliorare l'esperienza".

Ok. Per un giocatore abituale di Rainbow Six Siege, magari dal day One o che ha cominciato ad apprezzarlo un anno dopo sono delle informazioni difficili da digerire. Abbiamo assistito al salto completo di una Stagione, per una durata effettiva di tre mesi, introducendo Operation Health per poter mettere a lucido il gioco. Tali dichiarazioni ci fanno riflettere molto.

Stiamo parlando che dopo questo periodo di "calma" assistiamo alla rimozione di alcune mappe presenti dal Day One e Ubisoft, perdonaci, capiamo la mole di dati ma la curva di apprendimento non è una buona scusa, soprattutto perchè le rimozioni avverranno anche in Libera. Favelas e Yacht saranno le grandi assenti, e stiamo parlando della prima stagione e della terza, è passato un anno, i giocatori ne conoscono ogni angolo ormai.

Altro smacco si ha sulle preferenze, dove viene tolta la possibilità di poter scegliere in quale location giocare. Magari, caro team di sviluppo, tale funzione era utile per allenarsi per conoscerle meglio, quale vantaggio si ha se per giocare una mappa specifica dobbiamo incrociare le dita durante il matchmaking?

Nonostante il malumore della community manifestato tre mesi fa, io, personalmente, comprendevo una fase di rielaborazione, necessaria e che avrebbe così dato respiro ad un gioco molto "stressato" dai numeri da capogiro dell'utenza attiva e dell'enorme lavoro che ciò comporta. Ma adesso? I novanta giorni sono passati, alcune modifiche sono state fatte ed è vero il miglioramento della ricerca di partita per la maggior parte dei casi è stato d'impatto e risolutivo; e cos'altro?

rainbow six siege

Non mi sembra giusto citare la classica correzione bug, che a mio avviso è il minimo sindacale che uno sviluppatore e una software house devono compiere per ogni titolo che immettono sul mercato, con maggior cura se è un only multiplayer e ancor di più se ne ospita una componente competitiva riconosciuta e sponsorizzata.

Se si arriva al punto che il "troppo stroppia" quando si è annunciato in pompa magna i grandi contenuti previsti negli anni per supportare il gioco e tenerlo attivo, e sì con dovuta considerazione economica da fare, con l'acquisto di non uno ma ben due Season Pass, ognuno per ogni anno (già, facendo due conti al day one si parla di 69€ più 30€ per ogni Pass), forse è il caso di correre ai ripari.

La strada adesso è ad un bivio prima di vedere scatenarsi un emorragia che nessuna Operation Health può curare; il calo dell'utenza. Perchè non considerare che se si raggiunge un limite è l'ora di dire basta? Mi spiego meglio.

Molti giochi hanno contenuti mostruosi per mole dati ma non si sono mai trovati in questa situazione e non hanno mai rilasciato tali dichiarazioni. Forse, ragionandoci a mente lucida, speriamo in una migliore ottimizzazione e con rimozioni minime se non nulle. Ma lasciando da parte l'affetto per un gioco e ragionando in termini pratici, per il mio modesto parere, credo sia giunto il momento di staccare la spina e pensare a un Rainbow Six Siege 2.