Durante la conferenza Microsoft tenutasi all'E3 di Los Angeles quest'anno, è stato finalmente tolto il velo sulla nuova console ammiraglia. Abbandonato il nome provvisorio di Project Scorpio, seppur accattivante, ci è stato presentato quello definitivo: Xbox One X. Riguardo alla "console più potente sul mercato" e con la risoluzione superiore, in questi giorni siamo stati inondati di notizie riguardanti anche i più piccoli aspetti tecnici.

Dato che la strada che ci accompagnerà di qui al 7 novembre è ancora lunga, ci teniamo a fare il punto su qualcosa di concreto e lasciare le notizie sugli eventuali upgrade e potenzialità quando veramente potremo toccarla con mano. Oltre all'ambito che riguarda le componenti possiamo affermare anche qualcosa a livello tecnico e di prestazioni prima del lancio effettivo e della prova su strada, constatando se tutte le promesse fatte saranno realmente mantenute.

Il primo aspetto che andiamo ad approfondire riguarda lo storage. Come dichiarato in più occasioni, Xbox One X sarà equipaggiata con un HDD interno da 1 TB, Crediamo che con il tempo, o magari a ridosso dell'uscita, possano essere annunciate versioni diverse, ma crediamo abbastanza improbabile sul settaggio di base. Probabilmente assisteremo alla comparsa di bundle speciali o edizioni limitate per colore o serigrafia.

Xbox One X 4K
Alcune delle esclusive di Xbox One X.

Ritorniamo al punto. Niente di nuovo quindi in fatto di capienza, il discorso cambia però in termini di velocità. Lo spazio di archiviazione interna sarà più veloce del 50% rispetto a One S, riuscendo a rendere i caricamenti più immediati e rapidi. Questo è possibile grazie i 4GB di larghezza di banda implementati per trasmettere informazioni in modo più efficiente e dimezzando le tempistiche, dall'avvio alla memorizzazione. Precisiamo però che se si farà uso di un HDD esterno, magari quello in uso su Xbox One al momento, i caricamenti saranno di prestazioni diverse, a seconda del tipo, dimensione produttori e tanti altri fattori. Questi dati si riferiscono all'uso della memoria interna con cui sarà venduta Xbox One X, per analizzare tali tempistiche ancora c'è tempo.

Quello che rende interessante Xbox One X è il proclamo del 4K nativo, che come ben sappiamo è un argomento di gran voga nel settore videoludico, tanto da vedere nascere discussioni ed articoli su questa tematica, a volte anche in modo non preciso e purtroppo errato. Inoltre si tratta di un aspetto trattato fino all'esasperazione sia della stampa specializzata che dell'utente. Lasciamo dunque parlare Albert Pennello, lo storico designer di Microsoft, che parla di questo aspetto durante un'intervista. Vi proponiamo la risposta alla domanda inerente all'acquisto di una TV 4K per i consumatori ed i futuri possessori di Xbox One X.

"Se si guardano le proiezioni, si evince che tra il 60% e l'80% dei televisori venduti quest'anno saranno 4K. Beh, credo che possiamo essere tutti d'accordo, nel corso dei prossimi anni il 4K prenderà il sopravvento. Proprio come da SD a HD c'è sempre un punto di flessione. Naturalmente, ci sono centinaia di milioni di famiglie e che aspetteranno prima di fare questo salto. Ma penso che possiamo essere d'accordo, che nei prossimi anni il 4K dominerà le vendite. Quindi, se si sta pensando a questo tipo di acquisto e si deve fare una scelta in base alla console in questo momento, dentro di te dirai, 'Hey, io non ce l'ho in questo momento, ma sto pensando di comprarne una', con l'intenzione reale di voler investire su un Xbox One X. 

E siamo stati molto attenti su come rendere l'esperienza a 1080p su una Xbox One X veramente ottimale. Abbiamo un disco rigido più veloce in modo che i giochi si carichino più velocemente. Stiamo implementando il filtro anisotropico nell'hardware in modo che vecchi giochi di Xbox One presenti sul mercato andranno meglio a livello di texture filtering. Giochi che girano a risoluzione dinamica o con frame rate dinamica funzioneranno alla loro risoluzione e framerate massimo su una Xbox X One.

E se non avete visto, ci sono alcuni grandi video di YouTube sul supercampionamento. Un'immagine 4K supercampionata a 1080p sembra migliore rispetto ad un'immagine 1080p nativa. Quindi, se avete una TV 1080p c'è una lunga lista di ragioni per le quali una Xbox One X è una grande console. E se avete intenzione di ottenere una TV 4K è ancora meglio".

Andiamo dunque a spiegare cosa ci vuole dire pennello. Iniziamo con il filtro anisotropico (AF). È un metodo utilizzato nella grafica computerizzata per accrescere la qualità delle immagini che ritraggono texture poste su superfici inclinate rispetto al punto di osservazione. Esso riduce l'effetto di aliasing; inoltre causa meno sfocamento degli angoli di visuale più estremi, conservando maggiore dettaglio. Tutto questo significa qualcosa di molto semplice per chi non mastica bene l'ambito informatico: grazie a questo filtro le texture sono più chiare e delineate!

Ulteriori vantaggi visivi includerebbero texture di qualità superiore, soprattutto sulla visuale in lontananza, disegnare distanze più lunghe con una migliore profondità ed implementare effetti aggiuntivi. Questo, ovviamente è quell oche si può fare con Xbox One X, come verrà sfruttato dipenderà dallo sviluppatore e dal gioco da esso prodotto.

L'ultima puntualizzazione la spendiamo sull'effettivo 4K. Si avrà sui giochi sviluppati adesso, grazie ai dev kit, per i titoli con compatibilità e a cui sarà possibile applicare tale miglioramento grafico avverrà tramite patch secondo la tempistica decisa dallo sviluppatore stesso.

Concludiamo dicendo che ogni effettiva constatazione su quanto dichiarato da Albert Pennello la si avrà con hands on ma soprattutto con l'arrivo di Xbox One X nelle nostre case e con i relativi giochi. Fino a quel momento rimaniamo con queste sicurezze e confidiamo in un successivo paragone.