Da quando fu annunciato, durante l'E3 dell'anno scorso, il nuovo titolo di Spider-Man sotto la direzione di Insomniac era chiaro fin da subito che si sarebbe trattato di un grandissimo gioco.

Ultimamente la scena dei titoli basati sui super-eroi è stata dominata perlopiù dalla saga di Arkahm del buon Cavaliere Oscuro, una serie di videogiochi che hanno dettato legge nel genere definendo dei canoni ben precisi da dover rispettare se si vuole tentare un'impresa simile.

Alla base di questo “genere” quindi abbiamo dei combattimenti molto cinematici e un'impostazione registica tale da restituire l'idea di “film d'azione interattivo” più che di videogioco in sé. La formula, senza troppe sorprese, funziona, e parecchio e la saga di Arkham ne è la prova tangibile.

Inutile dire che anche lo Spider-Man di Insomniac resta fedele a questi canoni riuscendo nell'impresa di mixare egregiamente sia gameplay che cinematic cancellando, quasi, la sottile linea che differenzia e separa le due fasi di gioco.

Nel trailer di gameplay che abbiamo visto durante la conferenza di Sony all'E3 2017, gli elementi mostrati sono stati tanti, sia per quel che riguarda la trama di gioco sia per quel che riguarda il gameplay in senso stretto che si è rivelato ricco, veloce e coinvolgente.

Per quel che riguarda la trama, nonostante la tanta carne al fuoco, abbiamo molto poco da dire poiché il nostro amato Spider-Man di quartiere sembra essere alle prese con il classico traffico illegale di Fisk, in Kingpin di New York, e, allo stesso tempo, con una minaccia più grande di lui.

Mr. Negativo!
Mr. Negativo!

Un gruppo di criminali mascherati chiamati “demoni” e dotati di poteri speciali sembrerebbe voler mettere le mani sull'impero di Fisk.

A capo di questa organizzazione criminale troviamo un volto noto nell'universo di Amazing Spider-Man, Mr.Negativo, un criminale le cui origini sono ignote ma che possiede poteri rigenerativi e lame dalle quali sprigiona energia elettrica, la stessa con cui lo vediamo combattere Spidey nel trailer.

Non è ancora chiaro il suo piano criminale e le implicazioni con Fisk anche se, da quel poco che abbiamo visto, la trama sembra essere deliziosamente ben scritta e variegata ma, soprattutto, coinvolgente.

Coinvolgente è anche il gameplay del titolo, come già detto in precedenza, che non fa altro che appoggiarsi alla ben nota formula del Cavaliere Oscuro fondendola perfettamente ai poteri speciali di Peter Parker.

Si possono osservare diversi approcci utilizzabili dal giocatore nel corso dell'avventura che potrà decidere di agire nell'ombra sfruttando le ragnatele a distanza con le quali immobilizzare e trascinare via i nemici oppure lanciarsi nella mischia in combattimenti corpo a corpo molto teatrali e decisamente ben realizzati.

Il mix fra calci e pugni e le ragnatele con cui effettuare combo dall'incredibile impatto visivo lascia una buonissima impressione sulla pelle vista la frenesia dell'azione di gioco.

Il dinamismo dei combattimenti è incredibile
Il dinamismo dei combattimenti è incredibile.

Spider-Man sarà in grado, infatti, di immobilizzare parzialmente i suoi avversari, lanciarli via oppure utilizzare elementi sulla mappa per concatenare attacchi molto potenti grazie ad un sapiente utilizzo delle sue ragnatele.

Nell'angolo in basso a destra sullo schermo abbiamo potuto osservare le combinazioni di tasti da utilizzare per concatenare tutti questi tipi di attacco per dare vita a delle evoluzioni molto cinematiche che, grazie ad un lavoro dettagliato di regia, riescono a dare un effetto particolarmente realistico a tutto il combattimento.

Ad accompagnare le cene d'azione abbiamo quelle d'esplorazione in una New York che sembra essere completamente esplorabile e nella quale saremo in grado di spostarci ovunque grazie alle nostre fidate ragnatele.

Da terra, Spider-Man, può appollaiarsi sui grattacieli della città semplicemente mediante la pressione di due tasti e lanciarsi nel panorama di New York spostandosi molto velocemente da una zona all'altra.

Questa sensazione di libertà ci viene mostrata tramite l'inseguimento di un elicottero con il quale Mr.Negativo sta scappando e, ancora una volta, lascia intravedere un encomiabile lavoro di regia che con le sue inquadrature molto cinematiche e teatrali lascia ad giocatore decisamente un bel sapore.

Anche se avere il pad fra le mani l'impatto visivo di tutto quello che ci è stato mostrato nel trailer è stato decisamente accattivante e ricco di emozioni.

spider-man
Anche esteticamente dice la sua.

A fare da collante fra le varie scene di gioco ci sono gli immancabili quick time event che non fanno altro che aggiungere pepe all'azione grazie alle solite inquadrature mozzafiato che ci immergono nel vivo delle imprese del buon Spider-Man.

Tecnicamente il titolo riesce a fare la sua sporca figura grazie ad una grafica, almeno per ora, pulita e molto, molto, dettagliata.

Anche il level design degli ambienti e il design dei personaggi sembra essere frutto di un amore e attenzione per il più piccolo dettaglio. La sola tuta di Spider-Man con tutte le piccole animazioni facciali che la caratterizzano è un esempio lampante di quanto gli sviluppatori ci stiano mettendo impegno in questo progetto.

Quello che si è potuto evincere da questi dieci minuti, circa, di gameplay è proprio questo, l'impegno e la dedizione per confezione un videogioco con la v maiuscola, ricco di dettagli e di azione tanto da far sorvolare chiunque sulla sua data d'uscita dilatata nel tempo.

Insomma, quello che ci ha mostrato Insomniac ha sicuramente dell'incredibile tanto da farci tranquillamente gridare al capolavoro ancor prima dell'uscita ufficiale del gioco, prevista per il 2018. Non abbiamo dubbi sul fatto che, viste queste premesse, il titolo possa stupire chiunque, fan del ragno o meno.