In una recente intervista concessa a The Guardian, Phil Spencer, boss di Xbox, si è espresso sorprendentemente contro i giochi single-player.

A detta di Spencer, titoli come Horizon: Zero Dawn e The Legend of Zelda: Breath of the Wild avrebbero perso rilevanza a causa dei giochi online, che sarebbero maggiormente capaci di intrattenere il pubblico videoludico.

Parlando con i fan su Twitter, il responsabile del gaming di Microsoft non è tornato sui suoi passi, ma ha rivisto quelle dichiarazioni per esprimere meglio la propria opinione al riguardo.

"Amo giocare titoli single-player. Il punto è che la maggior parte del gioco al giorno d'oggi è su service game", ha spiegato Spencer, riferendosi alle produzioni persistenti come Destiny e The Division. "È solo un dato di fatto".

Aggiungendo di non voler mollare questo settore molto amato dai videogiocatori, il buon Phil ha commentato che questi due esempi molto apprezzati, Horizon e Zelda, non implicano necessariamente uno stato di buona salute per il genere.

La volontà dell'Xbox Head è trovare modelli e strumenti che aiutino gli sviluppatori single-player ad avere lo stesso successo che i prodotti multiplayer stanno avendo di recente.

Che cosa ne pensate? Spencer ha spesso fatto riferimento, negli ultimi tempi, ad un Xbox Game Pass pensato per aiutare gli studi di avventure episodiche a massimizzare le proprie entrate e persino influenzarne il lavoro.

Potrebbe essere questa la pista giusta?

phil-spencer

Cosa aveva detto Phil Spencer?

Queste le dichiarazioni tanto discusse del responsabile di Xbox.

"Guardo a cose come Netflix o HBO, dove grandi contenuti sono stati creati grazie al modello ad abbonamento. Io e Shannon Loftis abbiamo pensato a lungo come poter integrare i videogiochi basati sulla narrativa nel modello di business di Xbox Game Pass.

Questo significherebbe non consegnare il gioco interno in un mese, si potrebbe sviluppare e rilasciare i giochi ad episodi.

Il pubblico di queste enormi storie non è che non è grande, ma non è molto consistente. Ci sono cose come Zelda od Horizon: Zero Dawn che escono e fanno molto bene in termini di vendita, ma non avranno mai lo stesso risultato di altri servizi e altre categorie di titoli".