Per Scalebound Platinum Games si sta misurando con un publisher occidentale quale Microsoft, e questo non le capita tutti i giorni.

A testimoniarlo sono le parole di Hideki Kamiya, che in un'intervista concessa a Gamespot ha evidenziato le differenze tra il modo di lavorare presso il colosso di Redmond e quello di altri editori nipponici.

"Questa è la prima volta che lavoriamo con un publisher straniero. Se pensate ai giochi che ho fatto, prima erano tutti di Capcom, poi di SEGA e poi di Nintendo", ha spiegato Kamiya in riferimento al proprio team e non all'intera Platinum Games, che di recente ha lavorato anche con Activision per la serie Transformers.

"Tutti avevano la stessa cultura di game design. Non sono super rigidi o strutturati, mentre in questo progetto (...) con Microsoft è tutto molto una questione di stile di sviluppo strutturato con tanti passaggi strutturati per quanto riguarda la qualità e le tempistiche. Tutto è controllato e fatto in un modo tale da essere molto strutturato".

"Imparare come lavorare in questa struttura, dopo aver fatto giochi fondamentalmente solo in ambienti non strutturati, è stata una delle sfide più complesse del progetto", ha concluso Kamiya.

L'uscita di Scalebound è fissata per il 2016 su Xbox One.